Piano casa, nuove costruzioni in arrivo

Lo scorso 21 luglio il Governo ha approvato il piano casa. Fra breve si assisterà ad un aumento delle costruzioni, ma anche della densità abitativa di alcune zone delle nostre città. Questo senza che qualcuno si preoccupi di adeguare in modo conforme a questi ampliamenti, gli spazi adibiti al verde pubblico e alla collettività in genere.

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google

di Salvina Elisa Cutuli

edilizia piano casa
Per rilanciare un settore chiave della nostra economia quale l'edilizia e, nello stesso tempo, andare incontro alle esigenze delle famiglie italiane, lo scorso 21 luglio è stato approvato dal Governo il piano casa
Per rilanciare un settore chiave della nostra economia quale è l'edilizia e, nello stesso tempo, andare incontro alle esigenze delle famiglie italiane, lo scorso 21 luglio è stato approvato dal Governo il piano casa consistente in due progetti (come si legge nel sito dello stesso Governo ): il primo dà la possibilità al singolo cittadino di effettuare interventi di ampliamento e/o ricostruzione della propria abitazione. Il secondo, riguarda la semplificazione delle procedure burocratiche inerenti lavori di edilizia.

Nei mesi precedenti a questa data, si è lungamente discusso sull'argomento così da apportare continue modifiche al testo originale. Da un ipotetico piano di aumento di cubatura dell’edificato esistente, più o meno condizionato da parametri di efficienza ambientale, si è passati ad un piano di edilizia pubblica residenziale, cioè quello che una volta si sarebbe detto piano di case popolari.

Tra le varie modifiche apportate prima di giungere al risultato ufficiale, una di queste faceva riferimento all'eliminazione degli aspetti più barbari e dannosi che il decreto potesse avere sulle città e sui paesaggi. In un primo momento, erano state proprio le Regioni, a cui spettano decisioni relative al governo del proprio territorio, a sottolineare ed evidenziare questi rischi e i problemi di costituzionalità del testo. Fu così che venne stabilito, in base ad un accordo del 1° aprile sottoscritto con il Governo, che le Regioni avrebbero adottato con proprie leggi la disciplina di attuazione delle prescrizioni minime con l’obiettivo di favorire il rilancio dell’attività edilizia attraverso la possibilità di realizzare interventi straordinari di ampliamento e sostituzione edilizia.

Oggi, le Regioni si sono improvvisamente accorte del grande potere di cui godono. Molte di queste, infatti, hanno normato, o lo stanno facendo, propri piani casa che consentono di aumentare le cubature. Come evidenzia il WWF, la sommatoria di tutti questi piani rischia di essere peggiore di quella improponibile ipotizzata inizialmente dal Governo. La normativa di molte Regioni, infatti, non si limita alle case, ma permette interventi di un certo tipo anche alle strutture edilizie artigianali ed industriali.

Fra breve si assisterà ad un aumento delle costruzioni, ma anche della densità abitativa di alcune zone delle nostre città senza essersi di molto preoccupati di adeguare in modo conforme a questi ampliamenti, gli spazi adibiti al verde pubblico e alla collettività in genere. Vi sono soprattutto alcune regioni che destano maggior preoccupazione, tra queste la Campania, dove il rischio di speculazioni è molto forte nel piano edilizio, e la Sardegna che si appresta a vivere un nuovo boom edilizio. Fa notare il WWF che forse gli incendi di questi ultimi giorni nella regione sarda hanno a che fare con questa aria che si respira. Si ignora così la norma che vieta per 10 anni ogni costruzione sui terreni percorsi dal fuoco.

In Campania il valore delle aree industriali dismesse si è triplicato in pochi giorni perché in base al disegno di legge è possibile introdurre una vera e propria liberalizzazione, a tempo indeterminato, delle destinazioni d'uso degli edifici, che consente così la trasformazione in abitazioni delle strutture produttive anche se funzionanti. Naturalmente tutto questo è previsto anche nella zona rossa del Vesuvio e nelle aree tutelate dei piani paesaggistici.

piano casa edilizia
L'unica nota positiva è che sia per gli interventi di ampliamento che per gli interventi di sostituzione edilizia il disegno di legge prevede che essi potranno essere effettuati a condizione che si usino tecniche costruttive che garantiscano prestazioni e
L'unica nota positiva è che sia per gli interventi di ampliamento che per gli interventi di sostituzione edilizia il disegno di legge prevede che essi potranno essere effettuati a condizione che si usino tecniche costruttive che garantiscano prestazioni energetico-ambientali. Nella regione sarda, invece, il piano casa si inserisce in un progetto più ampio di revisione del Piano Paesaggistico Regionale. Adesso la maggior parte degli interventi potrà essere fatta con autocertificazione. Con una semplice Dichiarazione Inizio Attività, quindi, sarà tutto molto più semplice e più appetibile.

Ma Sardegna e Campania non sono le uniche regioni ad avere problemi di questo tipo. Anche il Piemonte e la Lombardia accennano qualche lieve disturbo a tal proposito.

Eppure siamo ancora agli inizi e il meglio deve ancora avvenire. Se il Piano casa sarà la svolta per il nostro paese - così come è stato definito nei giorni a seguire dalla sua approvazione - un input all'industria edilizia, la fonte di nuovi posti di lavoro, la possibilità per molte giovani coppie o per chiunque non goda di un reddito molto alto per ricevere un nido in cui poter vivere e rifugiarsi, non si sa. Speriamo che tutto venga fatto con cognizione di causa.

speculazione piano casa regioni
Se si vuole speculare che almeno lo si faccia con un occhio di riguardo all'ambiente circostante all'edificio che sarà costruito
Se si vuole speculare che almeno lo si faccia con un occhio di riguardo all'ambiente circostante all'edificio che sarà costruito, rispettando ideali e canoni di bellezza che non pretendiamo di paragonare ai gloriosi esempi di costruzioni architettoniche dell'antica Grecia, in cui ad esempio i teatri erano sempre ben incastonati nel paesaggio naturale così da non arrecare disturbo all'occhio umano. Seconda cosa. Abbiamo da poco assistito al sequestro di un ospedale di Agrigento, costruito appena cinque anni fa perché a rischio crollo visto che tra le travi e i pilastri è stata ritrovata più sabbia che cemento.

Dato che l'Italia mostra questa grande predisposizione alla costruzione continua di edifici, ci auguriamo che le nuove costruzioni vengano effettuate considerando che questi edifici saranno abitati da umani a cui si deve garantire la vita e non la morte. Sono molte le strutture in mano all'illegalità che, in base all'elenco stilato da Legambiente, risultano costruite con finto cemento che non gode delle caratteristiche tecniche dei materiali con cui dovrebbe essere costruita una struttura esposta al passaggio di autoveicoli, o alle frequenze di un terremoto, o che deve ospitare bambini e adulti.

Se si vuole costruire che lo si faccia, almeno, rispettando la vita.

30 Luglio 2009 - Scrivi un commento

Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
Il Mondo Secondo Monsanto - DVD

Un film-indagine che ci porta a riflettere sulle basi etiche della nostra società dei consumi: trasparente,...
Continua...
Guida alla Sopravvivenza

Secondo la prospettiva olistica la terra costituisce un grande organismo di cui fa parte anche l'uomo, il...
Continua...
La Prossima era Glaciale

65 milioni di anni fa, i dinosauri vennero spazzati via dalla faccia della terra da qualcosa di terrificante...
Continua...
Geopolitica dell'Acqua

L'acqua è alla base della vita del pianeta. è, dunque, un bene comune o un bene economico? l'acqua è la...
Continua...
Ecologia Profonda

In questo libro vengono distinti per chiarezza due tipi di ecologia: una "ecologia di superficie" che...
Continua...
Cosa Mangia il Pollo che Mangi

Che cosa ha mangiato il pollo che stiamoper gustare in punta di forchetta?come sono stati coltivati i fagioli...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
TERRANAUTA TV
Alex Zanotelli e la privatizzazione dell'acqua
Altri video su TERRANAUTA TV...
ARTICOLI CORRELATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità