Un “Patto di filiera” per rilanciare il settore meccanico

A Bologna è stato siglato il "Patto di filiera" del settore del packaging, un aiuto concreto per le piccole e medie imprese che arriva da soggetti decisamente inaspettati, come multinazionali e grandi istituti finanziari. Ecco una breve analisi sui presupposti e sulle prospettive di questa iniziativa.

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google

di Francesco Bevilacqua

macchina industria
La crisi economica sta colpendo duro in tutti i settori e sta affondando tante tipologie di soggetti; i primi a fare le spese di questa situazione sono i singoli risparmiatori, le famiglie e le piccole e medie aziende
La crisi economica sta colpendo duro in tutti i settori e sta affondando tante tipologie di soggetti; i primi a fare le spese di questa situazione sono i singoli risparmiatori, le famiglie e le piccole e medie aziende. Bologna ovviamente non fa eccezione, neanche in seno al settore di cui il capoluogo emiliano è il principale centro nazionale, che è quello dell’industria meccanica e in particolare del packaging.

La rete industriale bolognese ha una struttura particolare, che coinvolge realtà di tutte le dimensioni: le grandi aziende di livello internazionale – una su tutte l’IMA, Industria Macchine Automatiche – si appoggiano infatti a una fitta rete di fornitori costituita da piccole e medie imprese che lavorano sul territorio creando un sistema articolato e diffuso.

Apparentemente in grado di resistere alle turbolenze della finanza internazionale, le grandi aziende come l’IMA accusano pesantemente la recessione poiché essa va a colpire prima di tutto, e molto duramente, proprio quelle piccole realtà che costituiscono la base dell’industria, spesso ditte con poche decine di dipendenti, che collassando una dopo l’altra hanno l’effetto di un pavimento che si sgretola sotto i piedi dei colossi dell’industria del packaging bolognese.

Per fronteggiare questa situazione potenzialmente letale sono scese in campo CNA e Unindustria di Bologna, proponendo un Patto di filiera. Questo consiste «nella definizione di una filiera e dei suoi valori di produzione, consentendo una programmazione delle commesse che coinvolge l'azienda committente, i fornitori ed i subfornitori di secondo livello».

In pratica, si può dire che tutte le fasi del processo produttivo vengono “istituzionalizzate”, prevedendone costi, tempistiche e quantitativi; rispetto alla definizione di queste variabili, vengono quindi erogati dei contributi liquidi alle piccole aziende, che hanno così la certezza dell’entrata indipendentemente dagli imprevisti di programmazione che, in un momento di indeterminatezza come quello che stiamo attraversando, rischiano di essere fatali.

ima industria macchine automatiche bologna
Apparentemente in grado di resistere alle turbolenze della finanza internazionale, le grandi aziende come l’IMA accusano pesantemente la recessione
Il circolo vizioso era infatti più o meno questo: la piccola azienda fornitrice o subfornitrice produceva, la grande azienda di riferimento variava gli ordinativi per motivi legati al mercato, la piccola azienda a sua volta doveva registrare un grave ammanco di liquidità – i pezzi prodotti ovviamente le rimanevano in mano – e non era più in grado di fronteggiare la produzione.

Componente fondamentale di questo patto sono gli istituti finanziari, che garantiranno un costante apporto di risorse liquide: Unicredit e UGF Banca, appartenente al gruppo Unipol.

Proprio l’IMA è protagonista del progetto pilota che saggerà la funzionalità del meccanismo, che poi – se avrà successo – verrà esteso a tutto il comparto.

Il Sole 24 Ore ha definito questo patto come un «nuovo modello di coesione sociale», poiché – seguendo l’esempio dell’economia veneta, che da anni si basa su questo tipo di sinergie – prende ufficialmente atto della necessità di “fare quadrato” anche nel settore industriale e di ripensare alcuni criteri che regolavano fino a pochi mesi fa il mercato e l’economia italiana, criteri basati sulla competitività, sulla massimizzazione del profitto e sull’ottimizzazione delle risorse, anche attraverso metodi estremi come la delocalizzazione.

Abituati a pensare male – non per via di un preconcetto, ma semplicemente in base all’analisi di una realtà economica resa pazza e incontrollabile proprio da pratiche quali speculazione e delocalizzazione – non siamo del tutto convinti della bontà e della buona fede dei fautori di questo mutamento di rotta. È impossibile non notare che due degli attori di questa svolta – Unicredit e Unipol – sono indiscutibilmente due grandi navi corsare che solcano il torbido mare della finanza internazionale, a loro volta protagoniste nel recente passato di vicende poco chiare.

industria economia bologna
I dubbi sono suscitati dalla constatazione che questa nuova strada è stata imboccata dagli stessi che sostenevano così entusiasticamente la new economy fino a pochi mesi fa
La stessa IMA ha spostato parte della produzione in India e Cina. Più che un modello volto a valorizzare le realtà economiche locali, a tutelare i lavoratori e a garantire la qualità del prodotto italiano, questo appare come un tentativo da parte di alcune aziende di tirarsi fuori da una fossa che loro stesse, come appartenenti e partecipanti attive a un sistema pesantemente deregolato, si sono scavate.

Insomma, come disse una volta un personaggio non proprio raccomandabile, «a pensare male si commette un peccato, ma quasi sempre ci si prende». Ci tengo però a ribadire ancora una volta che i dubbi non sono affatto suscitati da una contrarietà “ideologica”, quanto piuttosto dalla constatazione che questa nuova strada è stata imboccata dagli stessi che sostenevano così entusiasticamente la new economy fino a pochi mesi fa, salvo poi trovarsi spiazzati quando quel modello ha miseramente fallito.

Tuttavia, poiché amiamo pensare positivo ed essere ottimisti al limite dell’illusorietà, è bene evidenziare anche il lato positivo della faccenda, cioè che, seppur implicitamente, questo cambio di rotta è un’ammissione della fondamentale importanza della dimensione locale dell’economia.

Quello che esperienze realmente virtuose stanno cercando di mettere in pratica in questo campo, può essere perseguito anche da soggetti che – diciamo così – hanno qualcosa da farsi perdonare, da grandi aziende multinazionali che sembrano quasi come un ladro che, fra l’umiliato e il seccato, torna dalle sue vittime ammettendo la propria colpa e restituendo il maltolto.

In fin dei conti, si potrebbe concludere che l’importante è che l’industria e l’economia in generale si rendano conto che la necessità più urgente e importante è ricominciare a dare il giusto peso e valore alle realtà locali, alle piccole imprese che sono il sale del tessuto economico nazionale.

Sarebbe bello che lo facessero mosse da un sincero sentimento e da una reale volontà di cambiamento, ma il suono della campanella dell’allarme oramai è talmente assordante che per ora ci accontenteremmo anche di un’ammissione di colpa a denti stretti, se questa è accompagnata, come nel caso dell’industria del packaging bolognese, da un tangibile cambiamento di rotta nella pratica.

PER SAPERNE DI PIU' SULL'ARGOMENTO
Attraverso la Tecnica

Le grandi trasformazioni indotte dal modello economico globale hanno investito anche settori tradizionalmente...
Continua...
Mondializzazione: come fanno per competere?

500 imprese leader nel mondo nell'inchiesta condotta dal mit: come vincere nell'economia...
Continua...
L'Impresa con l'Anima

Perché il mondo dell?impresa sembra oggi orientato ad accettare senza riserve i valori etici, ecologici e...
Continua...
Le Imprese Alternative

Le basi concettuali e l'organizzazione delle economie solidali, fondate sul "fattore c": cooperazione,...
Continua...
28 Luglio 2009 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
L'Insostenibile Leggerezza dell'Avere

In un passato anche recente molti preannunciarono che il sistema economico e il modello di sviluppo del mondo...
Continua...
Bebè a Costo Zero

Questa guida al consumo critico si addentra nell'affollato mondo dei prodotti per l'infanzia, per scoprire...
Continua...
Il consumo critico

La strategia vincente per una spesa "giusta" e lo stile di vita del consumatore consapevole, selettivo,...
Continua...
Il Voto nel Portafoglio

C'è un voto che si esercita collettivamente, e fa vivere la democrazia. C'è un voto, però, che può...
Continua...
Manuale di Autoproduzione delle Sementi

Il manuale è il risultato di un lavoro di 15 anni finalizzato alla ricerca e al recupero di vecchie varietà...
Continua...
La Fatica e l'Ingegno

Le tecniche per la costruzione di buone ruote per i carri si tramandavano di padre in figlio ed erano...
Continua...
Ecologia al gabinetto

Dopo il fallimento dei depuratori per riconsiderare radicalmente il nostro atteggiamento verso lo smaltimento...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
TERRANAUTA TV
The story of Stuff - La storia delle cose
Altri video su TERRANAUTA TV...
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità