Influenza e vaccinazioni obbligatorie. Etica suina?

Il mondo si prepara a vaccinare milioni di individui. Si parla di vaccinazione consigliata, ma anche di vaccinazione obbligatoria. Informazioni contraddittorie si susseguono quotidianamente nei vari media. Ma nessuno sembra porsi una domanda elementare: chi ha il potere di decidere sul nostro corpo?

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google

di Valerio Pignatta

Vaccino influenza suina
La campagna mediatica terroristica inscenata in queste settimane sull'influenza AH1N1 è sconcertante sotto molti punti di vista.

Obiettivamente, se si è curiosi e si vanno a cercare le notizie per provare a mettere insieme un quadro ragionevole della situazione si trova subito una mole di dati notevolmente contraddittori tra loro.

Se alcune fonti parlano di difficoltà di infezione e trasmissione del virus (per le sue caratteristiche biologiche) altre invece puntano il dito proprio sulla estrema facilità di contagio che provocherebbe “danni” quindi sulla quantità di popolazione infettata. Se leggiamo che la mortalità è bassa e simile o addirittura inferiore a quella di un'influenza stagionale altri però sottolineano che potendosi verificare un contagio più esteso di conseguenza ci sarà un numero di vittime superiore al solito.

Se alcuni ci parlano di un vaccino che risolverà la questione, altri ci dicono pure che questo vaccino è sviluppato basandosi su ceppi influenzali identificati nel maggio scorso. E, come ci dicono altre fonti istituzionali autorevoli, il pericolo del virus sta nel suo cambiamento.

Se ora è più o meno inoffensivo, la mutazione naturale che ogni virus compie nel suo ciclo biologico potrebbe renderlo molto più aggressivo e mortale. Sorge quindi la domanda sull'utilità del vaccino basato sul virus precedente. Che ce ne facciamo poi? Senza contare che ci sono anche altri medici che sostengono che vaccinare senza aver sottoposto il vaccino stesso a un periodo di controllo e farmacovigilanza (sugli effetti collaterali), così come dovrebbe essere per legge, può essere anche più rischioso del contrarre la malattia influenzale.

E mi fermo qui senza approfondire le analisi di cospirazionisti vari che parlano di terrorismo indotto finalizzato al business delle cause farmaceutiche o addirittura di tentativo di riduzione della popolazione mondiale per motivazioni più o meno eugenetiche o ecologiche da parte di gruppi di potere planetari...

Maialino
Uomo e maiale si guardano. Un simbolico specchio filtrato da mascherina?
Ovviamente la creatività umana ferve sempre. E attualmente non è dato di sapere da che parte stia la verità. Le multinazionali e i poteri forti dello Stato sono diventati davvero molto bravi nei depistaggi delle reali motivazioni che muovono rappresentazioni teatrali di portata planetaria come questa.

Oppure, se vogliamo essere più buoni, altra ipotesi, la diffusa psicolabilità e fragilità individuale è diventata paranoia e disturbo maniacale di un'intera società e i meccanismi che essi sono in grado di scatenare sfuggono anche al controllo dei media e delle istituzioni stesse. La gente vuole il vaccino, vuole salvarsi dall'angelo sterminatore che viene. E allora diamoglielo.

Tutto nel frattempo, infatti, procede a spron battuto verso la vaccinazione obbligatoria o quasi. E milioni di dosi del farmaco vengono prenotate dai governi presso le case farmaceutiche per garantire protezione alla propria popolazione.

Ci sono però alcune riflessioni di fondo che mi pare nessuno faccia. Sono molto semplici e sembrano tuttavia rimosse dal contemplare umano occidentale.

Una è di chi è il corpo che portiamo in giro. Ossia nessuno si pone la domanda se sia lecito o meno che uno Stato o un'organizzazione internazionale abbiano il potere di decidere sul nostro organismo al di sopra della volontà di chi lo incarna, in tutti i sensi che gli vogliamo attribuire a seconda delle nostre credenze filosofiche e/o religiose.

La cosiddetta questione etica, tanto dibattuta in altri ambiti scientifico-sanitari, di fronte al terrore abilmente indotto svanisce. Virale o no, mortale o no, quello su cui tutti sorvolano è perché mai qualcuno dovrebbe decidere per noi. Al giorno d'oggi può sembrare addirittura un'affermazione eretica, ma la libertà di decidere come morire o guarire (e cosa rischiare o meno) credo dovrebbe essere solo nostra e di nessun altro. Ci sono dei padroni anche della nostra vita? A chi la diamo in mano? A qualche ministro o sottosegretario di turno? Li conosciamo? Sono affidabili? (si prega di trattenere le risate sguaiate).

La libertà di scelta terapeutica sarebbe un paletto imprescindibile di una società veramente democratica. E questa libertà dovrebbe essere esercitata sulla base di un'informazione veramente libera e indipendente che offra, attraverso sue istituzioni sganciate da qualsiasi potere di controllo politico od economico, una notevole quantità di dati coi quali ognuno si possa costruire le proprie opinioni personali e compiere le proprie scelte nel rispetto degli altri.

E qui non si dica che tali responsabilità che abbiamo nei confronti degli altri sono le medesime che indurrebbero alla vaccinazione coatta. È un ragionamento di dubbia onestà. Questa motivazione viene solitamente finalizzata a coprire solo determinate categorie di situazioni normali dell'esistenza.

Porci con le ali
Solo per fare un esempio, quando saliamo in macchina e partiamo baldanzosi in autostrada per il fine settimana abbiamo molte più possibilità di uccidere o ferire qualcuno (o noi stessi e i nostri cari) che non contagiandoli con un'influenza. Però nessuno penserebbe mai di impedirci di usare le nostre amate auto, strumenti di guerra e di morte come non pochi.

Nel nostro paese ci sono tra i 5000 e i 7000 morti l'anno per incidente stradale, senza calcolare chi rimane rovinato per la vita e senza contare chi svilupperà un cancro dall'inalazione di particolato e sostanze chimiche emessi dai tubi di scappamento delle nostre auto. Eppure questo è assolutamente funzionale al sistema e non viene messo certo in discussione. Circolate, circolate che il PIL sale... Ed è solo un esempio.

Ovviamente questo è un terreno difficoltoso su cui muoversi. È il terreno della riappropriazione della propria dignità e autopadronanza in quanto esseri umani liberi.

E non è una libertà che nuoce alla collettività. Le soluzioni per evitare di nuocere agli altri con i nostri comportamenti “individualistici” possono essere veramente moltissime e più lungimiranti di quelle attuali utilizzate per coartare. Dall'allevamento di animali in condizioni di salute e igiene superiori (evitando di originare virus) al declassamento del denaro nella classifica di importanza dell'esistenza umana (fine del business per il business), dalla solidarietà inter- e intra-specie (vegetarianesimo, accudimento ecc.) alla creazione di un vero sistema sanitario preventivo sia dietetico che medico (rafforzamento del sistema immunitario ecc.).

Se è vero che la questione è senz'altro spinosa e di non facile attuazione è però altrettanto vero che in questa posizione di bisogno di indipendenza si intravede (e si sente a livello di consapevolezza interiore) un barlume di verità. Il significato di salute andrebbe ripensato sin dalle sue fondamenta, approdando a un concetto di tipo positivo in cui la malattia è vista come sofferenza umana in tutti i sensi e in tutti gli ambiti.


Mi sogno sempre più spesso di essere una bufala...
Questo potrebbe aiutare nella direzione di un ridimensionamento dell'ingerenza di classi di terapeuti nella vita biologica e psicologica delle persone e di una delegittimazione della professione medica e terapeutica in generale e della sua disgregazione. Solo allora sarà possibile reinventare modalità autogestite e condivise di cura tra consulenti della salute e cittadini-pazienti protagonisti e non cavie a disposizione degli interessi più vari. La farmacrazia è un'invenzione recente ma non obbligatoria. Possiamo scegliere altre strade. Da un'etica suina a degli allevamenti di suini etici.

PER SAPERNE DI PIU' SULL'ARGOMENTO
Bambini Super-Vaccinati

Eugenio serravalle, medico specialista in pediatria preventiva, puericultura e patologia neonatale, da quasi...
Continua...
Tutto Quello che Occorre Sapere Prima di Vaccinare il Proprio Bambino

le vaccinazioni infantili sono una pratica spesso accettata a scatola chiusa. la maggior parte dei...
Continua...
Vaccinare contro il Papillomavirus?

Ci sono fortissime pressioni commerciali da parte delle ditte produttrici, sia a livello politico che dei...
Continua...
 
23 Luglio 2009 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
4 lettori hanno commentato questo articolo:
28/7/09 07:18, mario ha scritto:
al paese mio lo Stato - su spinta di genitori e cittadini consapevoli - ha predisposto una legge che di fatto offre il diritto di obiezione previa ASSICURAZIONE contro i danni biologici.
Un diritto a pagamento, un compromesso tutto sommato accettabile.
Ma le Istituzioni mediche sapete che dicono alle persone: dicono che è una legge fatta per le vaccinazioni infantili, non per TUTTE le vacinazioni.
Ho 40 anni e malgrado sono assicurato obbligatoriamente da 17, devo spesso puntualizzare l'errata (ma diffusa) interpretazione medica di questa legge.
Molti medici hanno preferito farsi l'assicurazione al vaccino, ma non possono dirlo nè consigliarlo.
Dobbiamo riprenderci ciò che è nostro.
AUTODETERMINAZIONE.
Salute a tutti!
27/7/09 07:07, Franz ha scritto:
x Lolle.
Certo che è anticostituzionale!
Articolo 32 della Costituzione della Repubblica Italiana:

“La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti. Nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge. La legge non può in nessun caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana.”
24/7/09 13:14, giovanna ha scritto:
Riflessioni giuste e' sacrosante , tutto gira attorno al dio danaro ai sporchi profitti , alle multinazionali , noi non possediamo il nostro corpo , siamo cavie di laboratorio , non possiamo decidere per noi stessi , ci vogliono far credere di essere liberi , di vivere nella democrazia , ma non e' cosi'
non sappiamo neanche dove sta la vera liberta' , e molto triste arrivare a queste conclusioni , siamo noi che dobbiamo cambiare con le nostre scelte e determinazione , riprendiamoci noi stessi , la nostra vita , facciamolo per noi e i nostri figli , guardiamo e sentiamo bene cio' che sta succedendo , viene creato il problema , c'e' la reazione e poi la soluzione , soltanto creando il problema le persone vorranno la soluzione , in questo caso LA VACCINAZIONE !
Giovanna
24/7/09 09:24, lolle ha scritto:
Egregi autori,

vorrei chiedervi se un cittadino è libero di rifiutare la vaccinazione obbligatoria. Voglio dire, obbligare un cittadino ad una vaccinazione inutile e potenzialmente pericolosa, non è forse anticostituzionale?

Saluti.
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
Il Mondo Secondo Monsanto - DVD

Un film-indagine che ci porta a riflettere sulle basi etiche della nostra società dei consumi: trasparente,...
Continua...
La Malattia non Esiste - Una sfida quantistica per la guarigione

Dopo anni di ricerche e pratica clinica l'autrice ha elaborato un metodo terapeutico che integra l'approccio...
Continua...
L'Influenza Suina A/h1n1 e i Pericoli della Vaccinazione Antinfluenzale

Tutto quello che devi sapere per tutelare davvero la tua salute e quella dei tuoi cari: ? l'influenza a/h1n1...
Continua...
Il Mondo Secondo Monsanto

Monsanto è leader mondiale nella produzione degli organismi geneticamete modificati (ogm) ed è una delle...
Continua...
Alimentazione Vegetariana - Teoria e Pratica

Tutto sulla teoria e sulla praticadell'alimentazione vegetariana racchiusoin un volume tra i più aggiornatie...
Continua...
Farmacrazia

"nell'arco di qualche secolo, le società occidentali si sono trasformate da teocrazie in democrazie e da...
Continua...
Cancro: puoi guarire

Esistono davvero tanti malati di cancro guariti con medicine alternative. decine e decine di testimonianze...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
TERRANAUTA TV
Influenza suina: si chiude la nostra campagna
Altri video su TERRANAUTA TV...
ARTICOLI CORRELATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità