A Bologna la burocrazia oscura il sole

L'utilizzo dell'energia solare dovrebbe essere incentivato con convinzione dalle istituzioni. Anche se questo di norma avviene quasi sempre, vi raccontiamo un caso decisamente negativo avvenuto a Sasso Marconi, in provincia di Bologna, che speriamo rimanga isolato, frutto semplice di irrazionalità amministrativa.

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google

di Francesco Bevilacqua

asterix dodici fatiche film
Due fratelli imprenditori della valle del Reno, come Asterix nel film Le dodici fatiche di Asterix, hanno dovuto cimentarsi in lunghe trafile burocratiche prima di poter avviare i lavori di un impianto fotovoltaico
I fan di Asterix ricorderanno bene il film del 1976 intitolato Le dodici fatiche di Asterix, in cui l’eroe gallo, insieme all’inseparabile compagno Obelix, si deve cimentare in dodici prove per stabilire una volta per tutte se la sua indomabile tribù è superiore o meno ai romani di Giulio Cesare. Una delle prove si svolge nella “casa che rende folli” e consiste nel farsi rilasciare un fantomatico lasciapassare A38, districandosi fra stuoli di burocrati che rimandano da uno sportello all’altro i poveri sventurati che hanno bisogno di un timbro o un’autorizzazione.

Non siamo però nel 50 a.C. e non ci troviamo in Bretagna. È il marzo 2007 e siamo a Sasso Marconi, in provincia di Bologna. Due fratelli, imprenditori della valle del Reno, approfittando anche dei convincenti incentivi di agevolazione del fotovoltaico appena stanziati, decidono di costruire un impianto di notevoli dimensioni, 3.000 mq per 357 KW di potenza, che esaudirà una considerevole mole di richieste di energia pulita e rinnovabile. Purtroppo per loro però, i due non hanno fatto i conti con un apparato burocratico che rallenta oltre ogni limite di tolleranza qualsiasi tipo di iniziativa, anche quelle che, come questa, sono certamente da incoraggiare e incentivare poiché apportano un contributo di tutto rispetto alla crescita del già ottimo conto energetico solare emiliano-romagnolo, che con i suoi 45.000 KW forniti da 4.000 impianti è al terzo posto nella graduatoria nazionale dopo Puglia e Lombardia.

Dopo quattro mesi spesi per la fase di progettazione, i fratelli presentano la richiesta al Comune di Sasso Marconi, che però la gira subito all’Ufficio Energia della Provincia di Bologna; l’istanza tuttavia deve essere corredata di una Soluzione Tecnica Minima Generale, ovvero "l’individuazione di una soluzione tecnica (progettuale e costruttiva) scelta fra quelle previste dall'unificazione interna del gestore dallo stesso utilizzata per gli interventi di sviluppo del tipo di rete a cui la richiesta di connessione si riferisce".

impianto fotovoltaico
L'Emilia-Romagna è al terzo posto nella graduatoria nazionale dopo Lombardia e Puglia, per la presenza di impianti fotovoltaici nel proprio territorio
La STMG va richiesta direttamente all’ENEL, ha un costo di 1.500 € e la sua concessione richiede un massimo di 90 giorni. Ai due imprenditori sassesi però va particolarmente male: l’ENEL impiega non 90 bensì 180 giorni e la conclusione della pratica richiede una seconda soluzione che costa altri 1.500 €. A marzo 2008, dopo circa un anno dall’inizio della loro “avventura”, i fratelli hanno in mano il progetto approvato dall’ENEL e possono presentarlo in Provincia per ottenere le autorizzazioni necessarie.

Ecco però altri due intoppi: la domanda, prima che in Provincia, andava presentata alla Regione Emilia-Romagna e pubblicata sul Bollettino Ufficiale di quest’ultima – altri 20 giorni. Inoltre, il Comune di Sasso Marconi, prima di procedere vuole il parere positivo della Commissione Ambiente, parere che arriverà solamente il 30 luglio. Il giorno successivo finalmente, previa la compilazione di tre domande in formato cartaceo e sei in formato elettronico, la richiesta viene inoltrata presso la Provincia. Può essere avviata la Conferenza dei Servizi, che ha 180 giorni per esaminare la domanda ed esprimersi in merito a essa.

A gennaio però c’è un nuovo inconveniente: il cablaggio attraversa una porzione di territorio del Comune di Bologna, che però, così come l’ARPA (Agenzia Regionale Prevenzione e Ambiente), non è stato coinvolto nell’iter approvativo. Dopo altri due mesi di attesa, in corrispondenza del suo secondo compleanno, la domanda viene finalmente approvata. Ma non è finita: il progetto presentato all’ENEL era considerato provvisorio e per la “conversione” a quello definitivo servono altri 1.600 €. In più, la legge regionale esige una fideiussione di importo pari al costo di smaltimento dell’impianto stesso; questa richiesta comporta ulteriori spese e perdite di tempo.

Finalmente, il 10 aprile del 2009, circa 25 mesi dopo la presentazione delle prime carte, il cantiere può essere avviato. La realizzazione pratica dell’impianto richiederà altri 3 mesi.

burocrazia fotovoltaico bologna
Ecco un conto delle spese affrontate dai due fratelli: 25.000 € per i materiali e la manodopera, quasi 5.000 € per le autorizzazioni e circa 1.000 € di sole spese dovute a tasse, bolli e cancelleria. Al tutto va poi aggiunto a un’attesa di quasi due anni
Ecco infine un conto sommario delle spese: 25.000 € per i materiali e la manodopera, quasi 5.000 € per le autorizzazioni e circa 1.000 € di sole spese dovute a tasse, bolli e cancelleria. Al tutto va poi aggiunto a un’attesa di quasi due anni e mezzo fra l’avvio del progetto e l’accensione dell’impianto.

Asterix fu più fortunato: chi ha visto quel cartone animato si ricorderà che il gallo incontrò casualmente il Prefetto in persona e si fece rilasciare direttamente da lui il tanto agognato lasciapassare A38. Per i due fratelli imprenditori invece si è profilata una lunga e dispendiosa procedura burocratica che ha di certo scoraggiato loro e chi, come loro, è potenzialmente interessato allo sfruttamento di energia pulita e rinnovabile e – perché nasconderlo? – all’abbattimento dei costi energetici.

È questo un chiaro esempio di cattiva amministrazione che, ci auguriamo, rimarrà isolato e può essere riconducibile eminentemente a una struttura burocratica un po’ troppo rigida e ad amministratori eccessivamente ligi nell’attenersi a essa.

PER SAPERNE DI PIU' SULL'ARGOMENTO
La Palude

Dovrebbero essere il tempio della giustizia. invece i tribunali assomigliano sempre di più a luoghi in cui...
Continua...
Normativa sul Fotovoltaico

Che cosa è un impianto fotovoltaico? da chi e dove può essere installato? quanto costa, per quanto tempo...
Continua...
Il Fotovoltaico per Tutti

Il volume costituisce una guida efficace per il lettore interessato ad addentrarsi nel settore, a saperne di...
Continua...
Il Sole nella Città + CD

Il fotovoltaico è la tecnologia più innovativa tra quelle che sfruttano le fonti rinnovabili. pur essendo...
Continua...
22 Luglio 2009 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
Un lettore ha commentato questo articolo:
23/7/09 09:10, dorylinux ha scritto:
...sono per la nonviolenzaatuttiicosti.... però è arrivata l'ora di "sacrificare" qualche elemento a beneficio della collettività.....
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
Un Futuro Senza Luce?

Il nostro sistema energetico spreca e disperde nell'atmosfera più energia di quanta ne utilizzi....
Continua...
Salvare l'Ambiente Conviene

Quello di Jacopo Fo è un libro di valide e ragionevoli alternative all’insegna di un duplice...
Continua...
EBooks - Come Evitare la Trappola Nucleare

Anteprima ebook 1987: con un referendum abrogativo gli italiani dicono NO al nucleare.2007: nonostante la...
Continua...
Risparmiare sui Consumi

Risparmiare energia, ridurre i consumi, riciclare correttamente i rifiuti: ecco una guida agile per...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
TERRANAUTA TV
Alex Zanotelli e la privatizzazione dell'acqua
Altri video su TERRANAUTA TV...
ARTICOLI CORRELATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità