Sardegna: un pastore contro il cavaliere

Antoine Fratini racconta la vicenda quasi fiabesca di un pastore sardo che continua a rifiutare importanti offerte economiche per difendere il pezzo di terra in cui vive. Il suo nome è Paolo Murgia. Il suo linguaggio quello dell'anima...

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google

pecore
Un pastore sardo contro il Presidente del Consiglio.. chi vincerà?
Sembra quasi una fiaba d’altri tempi. Da circa trent’anni un semplice pastore sardo si oppone all’arroganza del danaro. Egli dice di no alle offerte di una ditta costruttrice collegata al gruppo Fininvest del grande sacerdote della religione economica Silvio Berlusconi, la quale vorrebbe acquistare le terre, di cui usufruisce per usucapione, allo scopo di edificarvi l’ennesimo megavillaggio turistico.

Il suo nome è Paolo Murgia e la sua vicenda merita di essere citata in quanto, di questi tempi, si fanno purtroppo rare le persone che non si lasciano abbindolare dai soldi. Il Sig. Murgia parla il linguaggio dell’anima. Nemmeno per cifre da capogiro egli lascerebbe che le terre dove da una vita porta a pascolare il suo gregge vengano distrutte da una nuova ondata di cemento. Nemmeno se questa ondata dovesse chiamarsi “Costa turchese” e portare la “salvezza” dello sviluppo a tutti gli isolani.

Le “sue terre”, appunto, perché quel che siamo soliti chiamare “anima” o “psiche” o ancora “identità”, secondo la psicologia animistica non è intermente racchiuso nella scatola cranica o nel muscolo del cuore, ma consiste piuttosto in una relazione che unisce mondo interiore e mondo naturale e nella quale il secondo fa da supporto alle proiezioni del primo. Da questa unione profonda nasce e si sviluppa il connubio Natura/Cultura attraverso un interscambio continuo che in certi casi ha portato a straordinarie forme di simbiosi di cui molti paesaggi in Italia e nel mondo testimoniano tuttora.

In questo senso, lo svolgersi della vita dell’anima richiede spazi naturali tanto quanto il corpo ha bisogno di spazio fisico per muoversi e svilupparsi. Distruggendo a scopo di lucro il territorio naturale al quale l’anima tende spontaneamente ad unirsi in un rapporto di partecipazione animistica, si annienta al contempo l’identità delle persone che in quei luoghi si riconoscono e ai quali sono legate da dinamiche psicologiche profonde.

Una questione da porsi è: come mai certe persone sembrano prive di quella sensibilità necessaria per accorgersi dell’esistenza di quel tipo di legame con la Natura? la risposta non è certo agevole, molti fattori possono entrare in linea di conto. L’uomo moderno, da una parte, appare posseduto da quell’atteggiamento che è solito chiamare “razionale”, una forma di pensiero necessariamente freddo e distaccato che lo porta ad usare criteri oggettivi anche per affrontare situazioni che invece richiederebbero altre competenze, come per esempio problemi psicologici, esistenziali o sentimentali.

D’altra parte, questa sua unilateralità psicologica lo porta a quantificare ogni cosa attraverso l’uso esclusivo del danaro. Per cui, quel che il danaro potrebbe rappresentare in una psicologia equilibrata, cioè un mezzo utile alla gestione degli scambi materiali tra le persone, è diventato invece per l’uomo occidentale un vero e proprio fine che si sostituisce al senso della vita. “Fare soldi” significa allora “contare”, inteso sia nel senso di calcolare il valore o il costo di ogni cosa (compreso le idee, gli affetti, le relazioni…), sia in quello di “contare nella vita”.

Quel che più importa nella vita, quindi, è fare soldi perché solo il capitale e il patrimonio si prestano ad essere calcolati e “a-prezzati” in maniera precisa e “razionale”.

Ma quando il danaro, da semplice mezzo al servizio della realizzazione dell’individuo, diventa fine dello stesso, allora le cose dell’anima (dell’inconscio) vengono represse o annullate e sostituite dai valori e dal metro economici. Per questa via l’economia, da scienza o sistema autenticamente razionale, diventa Economia, religione inconsapevole. E siccome ogni religione ha i propri controvalori e le proprie figure eretiche, il pastore Murgia viene visto dai suoi contendenti come uno “scomodo personaggio” di volta in volta “pazzo” per permettersi di sputare su ingenti somme di danaro, o “furbo” perché in quel modo l’offerta potrebbe aumentare.

Ma il nostro pastore sembra invece opporsi con tenacia al calcolo “razionale”, al valore di mercato, preferendovi forse quel tipo di unione animistica con le sue terre di cui abbiamo accennato in precedenza. In quel caso, mi auguro che la vicenda possa ispirare quella impegnativa avventura di recupero dell’anima che attende l’uomo moderno.

Antoine Fratini, Fidenza il 07/07/2009

Articolo tratto da www.decrescitafelice.it

21 Luglio 2009 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
3 lettori hanno commentato questo articolo:
3/12/09 12:10, egidio ha scritto:
Sono nato vicino al luogo di questo pastore che ha radicato con la sua azione di resistenza la forza dei sentimenti veri e di umanita' sarda che mi piace sottolineare perche' mi porta alla gente della mia infanzia ed al valore che ci trasmettevano negli anni cinquanta le persone della mia terra.Quei luoghi li ho scolpiti nella mente e nel cuore contro l'immagine di una natura violentata dalla speculazione e contro cui mi sento avversario senza compromessi.Recuperare quel paesaggio naturale e umano lo sento forte perche' mi appaga e mi rende felice di averlo nei miei ricordi piu' belli.Bravu ziu Murgia,campade a longu in sa vida e in sos logos bostros, semmus ch'in bois.

Egidio

31/7/09 05:21, renzo ha scritto:
sono sardo ed ora sono ancorpiù orgoglioso di esserlo.
Se Paolo Murgia avesse bisogno di compagnia per ribadire il suo no e camminare sulla sua terra con le sue pecore io sono pronto a "mollare" tutto per farlo.
A fare in c... il denaro e tutti quelli che lo usano per distruggere la natura ... o per farsi le "escort".
23/7/09 20:36, giovanna ha scritto:
Il pastore ha tutta la mia stima , e incoraggiamento per andare avanti , lui ha capito come me e molti altri , che la terra e' la nostra madre , e il nostro essere vive e respira in essa , se le facciamo male , lo facciamo a noi stessi quindi dobbiamo amarla e difenderla .
Io spero che sempre piu' l'uomo capisca questo, dagli Indios che difendono il loro territorio , al pastore sardo e a molti altri nel mondo , ammiriamo e prendiamo esempio da questi nostri fratelli , non esiste causa nel mondo che sia piu' giusta ! Giovanna
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
La decrescita felice

I segnali sulla necessità di rivedere il parametro della crescita su cui si fondano le società industriali...
Continua...
Adesso Basta

Un lavoro, una carriera manageriale invidiabile già a soli 30 anni, una casa di lusso, la possibilità di...
Continua...
L'Insostenibile Leggerezza dell'Avere

In un passato anche recente molti preannunciarono che il sistema economico e il modello di sviluppo del mondo...
Continua...
La Scommessa della Decrescita

Il termine "decrescita" suona come una scommessa o una provocazione, nonostante la generale consapevolezza...
Continua...
La Felicità Sostenibile

Ii modello economico, sociale e politico dominante sta crollando sotto i colpi della crisi finanziaria...
Continua...
Ritorno al Passato

I giacimenti di petrolio si stanno rapidamente esaurendo. quali saranno le conseguenze di questo accadimento...
Continua...
Decrescita e Migrazioni

Un sistema economico fondato sulla crescita del prodotto interno lordo deve aumentare in continuazione il...
Continua...
Un Programma Politico per la Decrescita

Il movimento per la decrescita felice si propone di mettere in rete le esperienze di persone e gruppi che...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
TERRANAUTA TV
Cohousing a Castel Merlino
Altri video su TERRANAUTA TV...
ARTICOLI CORRELATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità