Samsø: il paese delle meraviglie ecologiche

Samsø, isola danese che ospita 22 comuni, nel giro di 10 anni è diventata la terra abitata più pulita, ecologista e a basso impatto ambientale del pianeta. Con ventuno turbine eoliche, impianti fotovoltaici su tutti i tetti ed efficienti fornaci che bruciano paglia e trucioli di legno, essa si alimenta esclusivamente con energia eco-sostenibile ed è persino in grado di esportarla.

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google

di Virginia Greco

samso
Samsø è la terra abitata più pulita, ecologista e a basso impatto ambientale del pianeta
E’ chiamata il paese delle meraviglie ecologiche. Samsø, isola della Danimarca grande tre volte Ischia, annovera 4500 abitanti, 22 centri urbani e 21 turbine eoliche. Tra campi di grano e zucche, si ergono affusolati ma robusti pali bianchi come immensi fiori dalla corolla girevole: sferzate da raffiche alla velocità di 32km/h, le pale ruotano nel cielo danese convertendo l’energia del vento in 105 milioni di kW/h annuali di elettricità, con cui sono alimentate più di 600 abitazioni.

Tutto ebbe inizio nel 1997, quando l’Agenzia Danese per l’Energia, interessata a sperimentare soluzioni per ridurre l’impronta ecologica degli insediamenti urbani nel Paese, decise di lanciare un concorso nazionale: l’obiettivo era individuare il sito ideale da trasformare nel giro di 10 anni nel paradiso ecologico, ossia un’area abitata approvvigionata esclusivamente da energia prodotta da fonti sostenibili.

Samsø vinse la selezione e da allora ha messo in atto una riconversione verde che - oggi si può dire - ha prodotto risultati eccezionali, i quali hanno superato le aspettative dello stesso governo e degli abitanti.

Il primo ad essere realizzato è stato l’impianto offshore, ossia dieci turbine localizzate al largo dalla costa, che si innalzano per 77 metri fuori dalle acque del Mar del Nord. Via via sono spuntate pale eoliche anche sulla terraferma: oggi se ne contano undici. Il risultato di tale grande opera è che, come auspicato, ora il 100% degli abitanti dell’isola usa energia verde per soddisfare le proprie esigenze. Ma non finisce qui: la produzione supera ampiamente le richieste isolane, per cui l’energia derivante dal vento viene venduta al continente, o meglio inserita nella rete elettrica danese.

eolico
Il 100% degli abitanti dell’isola usa energia verde per soddisfare le proprie esigenze
Ogni turbina a terra è costata 570 mila euro, mentre quelle in mare 2,2 milioni l’una. Si è dunque trattato di un investimento di 28 milioni di euro, sostenuto dai comuni locali e dagli abitanti, ma agevolato dal governo centrale tramite abbattimenti fiscali e sovvenzioni. Una grande impresa, ma anche un fantastico successo.

Oggi l’isola può vantarsi di essere l’unico territorio abitato (di dimensioni significative) ad avere un bilancio “negativo” di emissioni di gas serra. Essa, infatti, ha ridotto la produzione di anidride carbonica, biossido di zolfo e biossido di azoto rispettivamente del 142%, del 71% e del 41%. Poi, con il sovrappiù di energia pulita che cede alla rete nazionale, controbilancia quel che le resta di emissioni, fino a superarle: è in questo modo che ne risulta un bilancio negativo, una sorta di credito anziché debito nei confronti dell’ambiente.

La conversione all’energia pulita ha fatto bene anche al portafoglio, oltre che all’ambiente. Quasi tutti a Samsø, infatti - in un modo o nell’altro -, guadagnano grazie al vento: le turbine sono possedute in percentuali variabili da investitori privati (abitanti del posto), dal governo stesso e da cooperative di cittadini. La rivoluzione verde ha risollevato l’economia dell’isola, frenando l’emigrazione di giovani ed attirando turisti, incuriositi dal particolare stile di vita della gente del luogo.

Infatti non si risolve tutto semplicemente nel pur eccellente impianto eolico. Gli isolani, i “samsingers” (cantanti di Samsø), come amano definirsi per sottolineare la positività e la leggerezza della loro vita, sperimentano quotidianamente varie forme di eco-sostenibilità.

case samso
I tetti degli edifici sono rivestiti di muschio per essere termicamente isolati e sono coperti di pannelli solari
I tetti degli edifici sono rivestiti di muschio per essere termicamente isolati e sono coperti di pannelli solari: con l’energia tramite essi prodotta si riscalda l’acqua e, in parte, gli ambienti interni. Il “resto” del riscaldamento è coperto dalle biomasse, ossia bruciando in grandi (ed efficienti) fornaci paglia e trucioli di legno. Tali materiali vengono considerati CO2-neutrali in quanto sono sottoprodotti dell’agricoltura per alimentazione, vale a dire che essi sarebbero comunque scarti e, soprattutto, derivano da piante, le quali per loro natura durante il proprio ciclo vitale assorbono anidride carbonica restituendo ossigeno all’ambiente. Per giunta, le ceneri che restano dopo la combustione sono sparse nei campi come fertilizzanti. E’ davvero il caso di dire che non si butta via nulla: tutto è inserito in un circolo virtuoso.

Soddisfatto degli eccellenti risultati, che rendono l’isola il fiore all’occhiello della Danimarca ecologista (e in fondo anche dell’Europa), il governo locale vuole provare ad andare oltre, pertanto si sta lanciando in nuovi progetti. In primo luogo ci sarà l’inserimento del biogas nel riscaldamento comunale, inoltre si sta studiando il modo di sfruttare la forza delle onde marine.

Sul piano dei trasporti, oggi una grossa fetta degli abitanti dell’isola ha ridotto al minimo l’uso dei mezzi motorizzati e la maggior parte di essi sono comunque alimentati tramite olio di colza. Il petrolio non è vietato, però si sta superando. Ma il progetto a lungo termine nel quale i samsingers stanno investendo è lo sviluppo di impianti ad idrogeno con i quali alimentare un giorno i motori dei veicoli.

Per ridurre le emissioni di gas serra legate all’alimentazione, la popolazione ha deciso di prediligere i prodotti locali, riducendo al minimo indispensabile l’importazione di cibo. Come ricorda Bente Hessellund Andersen, guru autoctona della lotta all’effetto serra e ambientalista di lunga data, “la regola d’oro per un’alimentazione a basso apporto di CO2 è: mangiare cibo vegetariano, locale (niente emissioni per il trasporto) e biologico (meno fertilizzanti e pesticidi chimici). Se poi si vuole andare oltre, meglio optare per cibo freddo, risparmiando in tal modo l’energia necessaria per cuocerlo, e quando si cucina, non dimenticare mai di porre un coperchio sulla pentola, così da ottenere lo stesso effetto con meno consumo.”

samso
Samso è destinata a restare un’anomalia virtuosa?
Samsø rappresenta dunque, oltre che un esempio di grande virtuosismo ecologico, un vero e proprio laboratorio sperimentale in cui nuove idee vengono proposte e progetti messi all’opera sul campo. Certo non è solo senso civico ed ecologista, il ritorno economico ha man mano convinto anche i più scettici. Come ad esempio Jørgen Tranberg, coltivatore di zucche e produttore di latticini: “Non sono un ambientalista”, dichiara, “è una questione di business”.

L’isola assiste ora anche al continuo sbarco di turisti: da coloro che vogliono semplicemente godere della rilassatezza di un luogo che ha riscoperto una dimensione di vita “slow” (lenta) e molto più in armonia con l’ambiente circostante, a coloro che - invece - vogliono vedere con i propri occhi come funzioni il sistema e acquisire informazioni, trarre spunti, apprendere tutto ciò che si può fare per ridurre l’impronta ecologica delle attività umane.

A margine di tutto ciò restano degli interrogativi (forse i soliti): è possibile trasferire un simile modello a realtà molto più grosse fino alla totalità del pianeta? O tutto funziona proprio perché piccolo e più facilmente gestibile? E’ Samso destinata a restare un’anomalia virtuosa?

Forse per scoprirlo dovremmo prendere esempio proprio dalla filosofia dei samsingers: mettere in tavola nuove idee e sperimentarle sul campo. Cosa aspettando dunque gli altri governi a lanciare un concorso analogo a quello vinto dalla cittadina danese? Potremmo scoprire che centinaia di zone dell’Italia - per esempio - ambiscono a diventare a loro volta paesi meravigliosamente ecologici.

PER SAPERNE DI PIU' SULL'ARGOMENTO
L'Energia Pulita

Una alternativa pulita ai combustibili fossili? gran parte dell'energia utilizzata attualmente a livello...
Continua...
Nuove Vie del Vento

Il libro offre un'informativa di carattere generale, ma completa, su tutti gli aspetti relativi all'utilizzo...
Continua...
9 Luglio 2009 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
5 lettori hanno commentato questo articolo:
20/12/09 10:35, IlFluoroètossico ha scritto:
E' chiaro che l'intero pianeta può funzionare, è la gente che non ha la volontà di farlo, muovete le chiappe ed aprite gli occhi; il sistema corrotto vi fa pensare di essere l'unica alternativa così non ne uscirete mai.
Chi non rispetta il mondo non merita di farne parte.
Che la gente si svegli e incominci a creare le vere comunità, al di fuori del sistema corrotto dei governi e della moneta.
29/7/09 13:02, val ha scritto:
@frangianco, anche io sono molisana e ´, pur amando la nostra regione,vivo all´estero....a spingermi all´esilio volontario e´stata proprio la mentalita´di molti nostri concittadini.ma spero di tornare per dare un po´di esempio.
@pollice verde, sono pienamente d´accordo, se vogliamo che il nostro diventi un paese vivibile e al passo coi tempi dobbiamo liberarci di queste sanguisughe inutili e dannose che siedono in parlamento.
ma come si fa´?
forse andro´alle primarie del pd a votare per grillo, anche se non accettano la sua candidatura.si renderanno prima o poi conto che sono vecchi decrepiti con idee obsolete e che devono farsi da parte per dare spazio a nuove idee?
28/7/09 16:01, Samuele ha scritto:
Certamente è un buon progetto sperimentale ed un buon punto di partenza.
Purtroppo in Italia si predilige una gestione centralizzata dell'energia anche perché è più facile lucrarci.
Comunque sia qualcosa si muove. La raccolta differenziata porta a porta ha preso tutto sommato una buona piega nel mio paese in Sardegna. Mi dispiace sentire che da Frangianco le cose non vadano così bene, ma lo esorto a perseverare e dare il buon esempio.
Comunque il fatto di avere una relativamente bassa densità di popolazione aiuta un bel po'. Comunque non disperiamo... cerchiamo di continuare sulla buona strada
22/7/09 05:54, Pollice Verde ha scritto:
Caro amico Molisano, il discorso che tu fai è giusto, la gente si stanca. Il problema è come viene proposta la cosa (o imposta), il problema è lo funzionamento anomalo del nostro paese... Perchè l'energia eolica che producete voi va venduta altrove? (ma anche, perchè non abbiamo centrali nucleari in Italia, ma veniamo -vengono- pagati dalla Francia per sepellire nella Basilicata i loro residui atomici?).
Discorsi c'è ne sarebbero da fare, troppi...e molto complessi.
In ogni caso sembra ripetitivo, ma finch'è non si cambierà questa classe politica, in Italia non cambierà nulla. L'economia, la sanità, l'istruzione, l'industrializzazione/agricolturizzazione,... tutto dipende dalla politica.
Quindi, non possiamo paragonare un paese come la Danimarca al nostro. Purtroppo...
11/7/09 02:15, Frangianco ha scritto:
Salve "Terranauta"...sono un "ecologista alle prime armi" e sto davvero apprezzando il tuo sito.
Riguardo questo articolo però ho delle perplessità per quanto riguarda l'applicazione di questo modello in Italia.
Io vivo in Molise, una regione che è spazzata dal vento 365 giorni l'anno, e che potrebbe in pratica autoalimentarsi tramite l'energia eolica.
Il problema è che dei privati hanno si costruito molte mini-centrali eoliche, ma l'energia prodotta non è usata in Molise, ma altrove.
Per questo motivo il progetto di una centrale eolica off shore in prossimità delle coste molisane è stata rifiutata all'unanimità dal consiglio regionale.
Poi vi è il problema dell'ignoranza in materia. La gente si "stanca" di essere ecologista; mi spiego: è appena iniziato il programma di ritiro porta a porta dei rifiuti differenziati e la gente è parecchio scocciata dal fatto che deve mantenere i rifiuti per troppi giorni in casa e quindi molti non partecipano; inoltre affermano che prende molto tempo dividere i materiali correttamente.
Forse in Italia è un pò presto per queste cose, ma dobbiamo correre, il Pianeta ha bisogno di noi......o noi abbiamo bisogno del Pianeta?
Frangiaco
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
Manuale Pratico della Transizione

Una guida pratica per ogni comunità che desidera avviarsi verso la transizione. le transition towns sono...
Continua...
L'anticasta + DVD

La denuncia coraggiosa della casta, che inizialmente aveva suscitato in molte persone grandi speranze di...
Continua...
Caro sindaco new global

Caro sindaco new global ha lo scopo di diffondere su tutto il territorio nazionale pratiche amministrative...
Continua...
Le Città Contro l'Effetto Serra

L'entrata in vigore del protocollo di kyoto costringe finalmente i governi nazionali a uscire dall'inerzia...
Continua...
Trafficologia

Ci sediamo, avviamo il motore e partiamo, convinti di avere tutto sotto controllo. ma siamo sicuri? è proprio...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
TERRANAUTA TV
Viaggio nell'Italia dei comuni a 5 stelle, di Marco Boschini e Michele Dotti
Altri video su TERRANAUTA TV...
ARTICOLI CORRELATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità