Vivere Ecologico

Steven Vromman: una vita (quasi) a impatto zero

È considerato da molti un eroe, ma Steven Vromman preferisce definirsi semplicemente una persona responsabile. Stiamo parlando del cittadino belga, rinominato Low Impact Man, che nel giro di un anno ha convertito il suo stile di vita. Risultato? Una bassissima impronta ecologica ed un’alta qualità della vita.

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google

di Alessandra Profilio

steven vromman
Alta qualità della vita e basso impatto ambientale: in altre parole, Steven Vromman
Consumare meno è impossibile? Provate a dirlo a Steven Vromman, pardon, a Low Impact Man.

Così, infatti, è ormai conosciuto il cittadino belga che nel giro di un anno ha cambiato il suo stile di vita. Obiettivo: combattere gli sprechi e limitare la propria impronta ecologica mantenendo una buona qualità della vita.

Negli ultimi tempi, come egli stesso racconta nel suo blog in lingua inglese (quello originale è in fiammingo), è stato invitato a raccontare la sua storia alla televisione, alla radio, ai quotidiani e alle riviste. Ha scritto un libro ed il suo blog è visitato da oltre 200 mila persone. La tv fiamminga ha anche realizzato una mini-serie incentrata sul suo progetto.

Il mondo, insomma, lo considera un eroe, ma Steven preferisce pensare a se stesso semplicemente come qualcuno che si è assunto le sue responsabilità.

Da sempre sensibile verso la questione ambientale, padre di due figli e consulente ecologico, Vromman il 1° maggio del 2008 ha deciso di impegnarsi profondamente per la salvaguardia del Pianeta. Detto fatto: nel giro di dodici mesi è riuscito a dimostrare al mondo, soprattutto a quello degli “spreconi”, che è possibile vivere bene anche a bassissimo impatto ambientale.

Come? Attraverso una serie di accorgimenti, nuove abitudini e buone pratiche.

impronta ecologica
"Non è difficile vivere in armonia con il pianeta, dobbiamo, però, tenere sempre in mente che ne abbiamo uno"
Le prime novità verdi hanno riguardato la sua abitazione. Dalla sua casa a Gent, città delle Fiandre a circa cinquanta chilometri da Bruxelles, sono stati banditi ferro da stiro e microonde. Ciò non ha significato comunque un ripudio totale degli elettrodomestici: aspirapolvere e lavatrice vengono utilizzate con parsimonia, il suo lettore MP3 va a manovella e per alimentare il computer sfrutta l’energia generata pedalando su una bicicletta collegata con un generatore di corrente e una batteria.

Vromman ha inoltre sostituito tutte le vecchie lampadine con quelle a basso consumo, ha isolato le finestre ed il pavimento tramite un soppalco di 10 centimetri fatto di sughero, ottimo materiale isolante naturale.

Per sprecare la minor quantità di acqua possibile, poi, raccoglie quella piovana: l’acqua del rubinetto serve solo per bere, cucinare e lavare i piatti. Il risparmio è di 105 litri di acqua al giorno. Grazie a questi accorgimenti, però, anche il costo delle bollette di Steven si è ridotto drasticamente.

Un altro grande cambiamento nella vita del cittadino belga riguarda l’alimentazione. Vromman ha eliminato dalla sua tavola carne, pesce e tutti i prodotti importati prediligendo invece il cibo locale. Prestando molta attenzione alla limitazione e al riutilizzo delle confezioni, Steven è riuscito a raggiungere una produzione di rifiuti minima.

steven vromman
In poco più di un anno Steven è arrivato ad avere un’impronta ecologica di 1,9 ettari
Per quanto concerne l’abbigliamento, il “Low impact man” ha deciso di acquistare solo abiti usati. Unico “capriccio” le scarpe da jogging, che compra nuove: ama correre e desidera farlo in tutta comodità.

Uno sfizio, questo, che possiamo facilmente perdonargli, considerando che nel giro di pochi mesi l’impronta ecologica di Steven è passata da 3.5 ad 1.9 ettari, mentre la media europea sfiora i 5 (quella italiana è di 4.8).

Tuttavia, a questo taglio radicale degli sprechi, non è corrisposto un estremo abbandono della “vecchia” esistenza: Vromman, infatti, non ha affatto rinunciato alla sua città, né tantomeno alla propria casa.

La trasformazione del suo stile di vita si è concretizzata, piuttosto, nell’attuazione di una serie di accorgimenti e modifiche (più o meno significative) alle proprie abitudini.

Adesso ne abbiamo la prova tangibile: per vivere in modo sostenibile non è necessario dire addio al nostro mondo ed esiliare in chissà quale remota località ai confini del Pianeta. Non abbiamo più scuse: possiamo tutti diventare Low Impact Man. Vogliamo provarci?

PER SAPERNE DI PIU' SULL'ARGOMENTO
Vivere Senza Soldi

Nel maggio 1996, heidemarie schwermer decide di cambiare radicalmente modo di vivere: regala i suoi mobili,...
Continua...
Come Vivere da Ricchi Senza Soldi

Impoverire, in realtà, può farci scoprire una dimensione più autentica e originale. lo sostiene...
Continua...
9 Luglio 2009 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
PERCHÉ QUESTA RUBRICA
Come farà il cittadino medio, stressato e oberato dagli impegni quotidiani, ad assumersi anche la responsabilità di salvare il pianeta dal riscaldamento globale? La rubrica “Vivere ecologico” ve lo dirà!
RUBRICA A CURA DI...

Alessandra Profilio

Vai alla pagina personale...

PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
Bebè a Costo Zero

Questa guida al consumo critico si addentra nell'affollato mondo dei prodotti per l'infanzia, per scoprire...
Continua...
Il consumo critico

La strategia vincente per una spesa "giusta" e lo stile di vita del consumatore consapevole, selettivo,...
Continua...
Manuale di Autoproduzione delle Sementi

Il manuale è il risultato di un lavoro di 15 anni finalizzato alla ricerca e al recupero di vecchie varietà...
Continua...
La Fatica e l'Ingegno

Le tecniche per la costruzione di buone ruote per i carri si tramandavano di padre in figlio ed erano...
Continua...
Ecologia al gabinetto

Dopo il fallimento dei depuratori per riconsiderare radicalmente il nostro atteggiamento verso lo smaltimento...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
ARTICOLI CORRELATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità