Scuola: imparare divertendosi è possibile

Nei paesi occidentali la scuola è vissuta sempre più da grandi e piccini come un incubo, un luogo di costrizione in cui trascorrere stancamente anni della propria vita necessari a "programmare" nuovi perfetti consumatori. Eppure si può imparare divertendosi. Ad esempio iscrivendo i propri figli alla scuola familiare. O addirittura fondandone una. Monica Bellei ci racconta la sua esperienza.

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google

di Daniel Tarozzi

Scuola familiare
Immagine tratta dal blog di Volabimbo, volabimbo.wordpress.com
I miracoli del web. Dopo una serata passata a discutere animatamente con alcuni amici sulla necessità presunta o reale di mandare i propri figli a scuola, torno a casa e trovo una mail di un amico di Bologna che mi segnala "La vecchia Ghianda", un progetto di scuola familiare che sta partendo a Farneto, vicino Bologna.

Decido quindi di contattare i responsabili e “incontro” Monica Bellei che si sta imbarcando in questa emozionante impresa insieme ad altre quattro famiglie e due amiche/maestre di fiducia.

Sono persone "normali", stanche di vedere i propri figli indottrinati dalle regole e dai ritmi della società dei consumi e guidate semplicemente dall'amore verso i loro bambini e "sotto sotto dall'intenzione di creare una società migliore di questa"...

Per evitare le polemiche che inevitabilmente si accompagnano a questi temi, vogliamo subito mettere in chiaro che né chi scrive né chi è stato intervistato intende "giudicare" chi fa scelte diverse da questa o imporre un diverso modello di educazione e di impostazione della società.

Ci limitiamo a proporre esempi concreti di modalità radicalmente alternative a quelle correnti. Poi, ognuno con i propri valori e la propria coscienza farà le sue scelte.

Monica Bellei, la possibilità di fare “scuola a casa” è prevista dall’articolo 30 della costituzione eppure in pochissimi usufruiscono di questo servizio. Cosa si intendere realmente con “scuola a casa” e perché secondo te non è mai decollata in questi anni?

Premetto che per scuola familiare si intende un'esperienza assolutamente soggettiva dove modalità e didattiche variano a seconda delle esigenze del gruppo di genitori fondatore.

Ci sono veramente tante e diverse realtà nel mondo, dalla piccola scuola formata da un solo gruppo familiare dove mamma e papà si occupano dell'insegnamento, a grandi comunità organizzate da anni con un percorso formativo fino alle superiori.

Allo stesso modo variano le didattiche e gli intenti educativi:ci sono realtà fondate su principi religiosi piuttosto che olistici o naturisti.

Ciò che accomuna tutte queste scuole credo che sia la volontà dei genitori di accompagnare i figli in un percorso educativo “su misura”, di non perdere o delegare l'opportunità di seguirli nel loro percorso di apprendimento ma piuttosto nel considerarsi assolutamente responsabili della loro crescita personale e spirituale.

In questo senso la scuola familiare implica ovviamente un maggiore apporto di energie da parte dei genitori: qualsiasi sia la tipologia di scuola creata, diciamo che il loro ruolo non si risolve nel mettere una firma sulla pagella e in un paio di riunioni all'anno con la maestra....

Come nasce l’idea di organizzare “La scuola familiare”?

Personalmente ho visto il mio bimbo cambiare completamente dopo pochi mesi di asilo.... Mi confrontavo con maestre spesso non sinceramente motivate, poco creative o comunque ostacolate nel loro lavoro da regole e da programmi ministeriali troppo rigidi.

Vivendo in un bosco a contatto con la Natura, soffrivo terribilmente immaginandolo seduto ad un banco per troppe ore al giorno senza la possibilità di sfogare tutta la sua energia in mille attività.

Tutto ciò mi ha fatto riflettere tanto su quelle che erano le mie aspettative rispetto all'EDUCAZIONE. Mi immaginavo una scuola dove i bambini imparassero ad essere curiosi su ciò che li circonda (come naturalmente sono i bambini) ed a sviluppare un personale metodo di apprendimento.

Educare Sano
Il logo di Educare Sano, un'associazione che sta cercando di creare una piccola rete tra Modena e Bologna per mettere in contatto i genitori
A che fasce di età si rivolge?

La scuola “La Vecchia Ghianda” è un progetto nato da un piccolo gruppo di genitori con (casualmente) figli di 5 e 6 anni...per questo motivo abbiamo pensato di partire con un gruppo di prima elementare, questo anche per agevolare il compito delle maestre per impostare il programma didattico.

Tutt'ora stiamo cercando ancora almeno un paio di bambini per chiudere definitivamente la classe.

La vostra scuola si pone come alternativa o completamento rispetto alla scuola tradizionale?

Assolutamente come ALTERNATIVA.

Le due realtà non sarebbero sovrapponibili, sono due maniere molto diverse di intendere l'insegnamento e di proporre ai bambini le tematiche dei programmi ministeriali.

“Imparare facendo”, l’attività ludico-creativa, la manualità, la stimolazione musicale, l’arte e le discipline teatrali sono alcuni degli strumenti di cui la scuola si avvale per accompagnare i bambini nel loro prezioso e unico percorso di crescita individuale e sociale.

“Scuola familiare” non significa portare la scuola tra le mura domestiche, ma è un naturale processo di apprendimento, in cui spesso si impara insieme, si fanno esperienze insieme, si cercano e si trovano soluzioni insieme, si alterna studio e manualità, in modo naturale, non si danno soluzioni prefatte, non si danno risposte a domande non ancora nate, ma si ricerca come trovare una soluzione, come fare per imparare, come arrivare a capire.

E' un lavoro di ricerca, individualizzato e personalizzato.

Porta il bambino non a memorizzare delle nozioni ma a scoprire la radice, il processo di sviluppo delle cose.

Negli ultimi anni si sente più spesso parlare della necessità di nuovi asili nido o di altre strutture che permettano ai genitori di lavorare. La vostra iniziativa appare in controtendenza. Secondo te la famiglia sta perdendo il tradizionale ruolo educativo?

Negli ultimi 30 anni (almeno) il lavoro, la carriera e la tranquillità economica come priorità di una famiglia media, hanno dato come risultato classi di “figli unici” e genitori deresponsabilizzati che per mancanza di tempo da dedicare alla famiglia, delegavano allo Stato il compito di educarli...a posteriori vista la società che abbiamo costruito, forse non è stata una grande idea....

Ma sono otttimista e speranzosa e vedo un grande ritorno di valori e di fiducia nella famiglia. .

Quali sono gli svantaggi della scuola familiare?

Lo svantaggio potrebbe essere che il prendere parte all'educazione del figlio di sicuro rappresenta un impegno costante per i genitori...se questo può rappresentare uno svantaggio.

Che tipo di risposta avete avuto? Conoscete altre realtà simili alla vostra?

In pochi mesi abbiamo ricevuto veramente tante mail e telefonate. Tanti genitori, da diverse parti di Italia, che non sapevano di questa opportunità. Tanti altri che cercavano di costituire gruppi di scuola materna o asilo familiare e ci chiedevano di spargere voce. Tanti formatori ed insegnanti di svariate discipline che si sono messi a disposizione del progetto.

So di altre piccole scuole familiari costituite nella provincia di Bologna, in Toscana ce ne sono diverse, c'è stato di recente un incontro tra genitori. In molte Comuni, sia in Italia che all'estero, esistono scuole familiari che funzionano da tanti anni e per questo già abbastanza consolidate.

Insegnanti o genitori?
Immagine tratta da www.cfcverona.it
Esiste un' associazione che sta cercando di creare una piccola rete tra Modena e Bologna (www.educaresano.net, www.educazionelibertaria.org ) per mettere in contatto i genitori, e questo è veramente molto importante affinché nascano nuovi progetti.

Spesso si discute sui voti, sulle modalità di valutazione degli “studenti”, sui crediti e sui debiti.. Secondo voi questo approccio è corretto?

No.

Il voto mette i bambini in competizione...ma non nella stessa maniera di un gioco di squadra o di una corsa ai 100mt.

Il voto è innanzitutto una valutazione soggettiva del maestro, per esperienza personale so che purtroppo non rispecchia le capacità ma i gusti dell'insegnante, le simpatie...la “fortuna”.

In questo senso andrebbe ridimensionato il suo valore. Si pensa che il voto sia indicativo della capacità di riuscita del bambino nella vita, ma non c'entra proprio nulla!

Evito di commentare la questione dei “crediti” e dei “debiti”...non saprei da che parte cominciare...

In questi giorni si parla di un boom di bocciati. Ha senso “bocciare” un bambino?

Sono convinta che molto spesso si otterrebbe molto di più “bocciando” l'insegnante... quando giocavo a pallacanestro mi ricordo che se perdevamo malamente una partita tutti (genitori compresi) davano la colpa all'allenatore...

Con questo non voglio fare un processo solo agli insegnanti.... credo che anche i più motivati si scontrano spesso con regole troppo rigide e indubbiamente con continui tagli ai finanziamenti che limitano notevolmente la possibilità di organizzare attività supplementari.

Insomma, come ci è stato più volte dimostrato in questi anni , l'istruzione non è proprio in cima alla lista delle priorità del Governo...

PER SAPERNE DI PIU' SULL'ARGOMENTO
La Buona Educazione

Quest'opera presenta una teoria pedagogica e un movimento educativo pressoché sconosciuti al grande pubblico....
Continua...
I Buchi Neri dell'Educazione

La storia, la politica, la teoria: oggetti che la pedagogia e l'educazione contemporanee sembrano avere...
Continua...
7 Luglio 2009 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
Un lettore ha commentato questo articolo:
15/9/09 12:16, gleba ha scritto:
complimenti per l'iniziativa!sto per laurearmi in scienze dell'educazione e la mia tesi finale riguarderà proprio la pedagogia libertaria..sono affascinato da alternative educative come quella descritta, però sono convinto che anche insegnando in una scuola statale classica si può destabilizzare il modus operandi imperante; infatti spero, un giorno, di poter insegnare pedagogia in un liceo per cercare, nel mio piccolo, di dare un concreto aiuto alla causa libertaria!
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
Il Mondo Secondo Monsanto - DVD

Un film-indagine che ci porta a riflettere sulle basi etiche della nostra società dei consumi: trasparente,...
Continua...
Adesso Basta

Un lavoro, una carriera manageriale invidiabile già a soli 30 anni, una casa di lusso, la possibilità di...
Continua...
La Rivoluzione del Filo di Paglia

Questo libro rappresenta un punto di svolta per riavvicinarsi con occhi fiduciosi e non distruttivi alla...
Continua...
Guida alla Casa Ecologica

Con guida alla casa ecologica paolo bevitori prosegue un percorso iniziato con la pubblicazione dei due...
Continua...
La Terra è Viva

Un testamento ambientale che annoda le radici dell'ecologia moderna con le lontane tradizioni rurali...
Continua...
Manuale Pratico di Ecologia Quotidiana

Vivere in maniera più ecologica in casa, in ufficio, a scuola, per strada: come riciclare, ridurre i rifiuti,...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
LINK ESTERNI
TERRANAUTA TV
Se avessero voluto venire sarebbero venuti...
Altri video su TERRANAUTA TV...
ARTICOLI CORRELATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità