Greenpeace

Greenpeace: commissione baleniera collassata per colpa del Giappone

La Commissione Baleniera Internazionale (IWC) è finita ieri sera con un giorno di anticipo fallendo clamorosamente l’obiettivo della sua “modernizzazione” e della tutela delle balene, gettando all’aria un anno di negoziato.

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google

balene grafico greenpeace
La Balena franca, la Balenottera azzurra e ilCapodoglio, sono tre delle specie più cacciate in passato
Cacciatori e commercianti di carne di balena hanno distrutto il negoziato, la cui conclusione adesso è rinviata alla prossima riunione ad Agadir, Marocco, nel 2010.

“C’è parecchio da cambiare se non vogliamo fare arenare le balene nelle sabbie del deserto del Marocco, l’anno prossimo - sostiene Alessandro Giannì, Direttore delle Campagne di Greenpeace. - Per cominciare, ci vogliono segni di buona fede e responsabilità, come l’immediata interruzione di ogni attività di caccia commerciale alle balene”.

Per far progredire il negoziato è stato creato un “gruppo miniaturizzato” che oggi comincerà a ridiscutere dell’empasse e di come risolverla. E’ già in programma una riunione intersessionale che si terrà a Santiago del Cile, in ottobre, ospite del nuovo Presidente dell’IWC, Ambasciatore Christian Maquiera.

“L’unica cosa che va miniaturizzata subito è il rischio che grava sulle balene - aggiunge Giannì. - Non è chiaro il perché un gruppo miniaturizzato dovrebbe aver successo se un gruppo già piccolo ha fallito. Solo un’azione diplomatica decisa dei Paesi che dicono di essere contro la caccia baleniera, come l’Italia, può risolvere questa annosa vicenda. Intanto, ogni anno i cacciatori uccidono quasi 2000 balene!”.

Oggi sono estremamente critiche le condizioni della Balena franca, della Balenottera azzurra e del Capodoglio, tre delle specie più cacciate in passato. Eppure la carne di balena non ha mercato. Il Giappone è in perdita continua: oltre 220 milioni di dollari dall’inizio dell’era della “caccia a scopi scientifici”. Il prezzo della carne di balena è sceso da 30 a 16,4 US$/kg dal 1994 al 2006. Ci sono c.a. 4.000 tonnellate di carne invenduta nei congelatori.

Le balene rendono più da vive che da morte. Si stima, infatti, che il whale watching - l’osservazione delle balene - attiri in tutto il mondo tra 9 e 11 milioni di utenti l’anno, con un giro d’affari di 1-1,5 miliardi di dollari/anno. In Norvegia nel 2008 i turisti che sono andati a fare whale watching hanno speso oltre 4 miliardi di dollari: 1.800 volte di più del valore della carne “prodotta”. In Islanda, la stima del 2007 era di un incasso tra 20 e 40 milioni di dollari all’anno.

25 Giugno 2009 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
IN VETRINA
Lo scorso 24 maggio è partita la nuova spedizione di Greenpeace verso l'Arcipelago delle Svalbard, nel mar Glaciale Artico, in collaborazione con una troupe di scienziati dell'istituto di ricerca tedesco IFM-GEOMAR, che studierà i problemi legati all'acidificazione dei mari, ai cambiamenti climatici e all'intensificazione della pesca industrializzata.
SITO UFFICIALE
PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
Mutamenti Climatici

Quante volte abbiamo ascoltato con una punta di scetticismo chi ci parlava di mutamenti di clima?Eppure negli...
Continua...
Fermiamo Mr. Burns

1987: con un referendum abrogativo gli italiani dicono NO al nucleare.2007: nonostante la decisione del...
Continua...
Risparmiare sui Consumi

Risparmiare energia, ridurre i consumi, riciclare correttamente i rifiuti: ecco una guida agile per...
Continua...
Ecologia Profonda

In questo libro vengono distinti per chiarezza due tipi di ecologia: una “ecologia di...
Continua...
Terra il Pianeta Prezioso

Inquinamento, deforestazione, mutamenti climatici, animali in via di estinzione... Proteggere la Terra non...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
ARTICOLI CORRELATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità