C’era una volta una balena felice…

Da moltissimi secoli le balene sono vittime di una caccia spietata. Da circa un ventennio l’uccisione dei grandi mammiferi per scopi alimentari è vietata, eppure anche quest’anno c’è chi, come il Giappone, riesce ad aggirare il provvedimento e con le sue navi di morte tinge il mare di rosso.

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google

di Alessandra Profilio


Immagine tratta da www.antiqbook.com
“…Geppetto, mentre cercava Pinocchio, era stato inghiottito da una balena e adesso era suo prigioniero. "Voglio salvarlo!" decise il burattino. Giunto al mare, si tuffò e sul fondo trovò il babbo nella pancia della balena. Ma come uscire di là? Accesero allora un gran fuoco: il fumo fece starnutire la balena, che spalancò la bocca. Pinocchio e Geppetto scapparono su una zattera. Il burattino aiutò il suo babbo a nuotare in mezzo alle altre onde: giunti a riva però, per il grande sforzo svenne. Addolorato, Geppetto lo portò a casa. Ma la Fata risvegliò Pinocchio e, come promesso, premiò il suo coraggio e la sua bontà trasformandolo in un bimbo vero!”

Perché esordire con una favola trattando di una tematica seria come la crudele uccisione delle balene? Il motivo è che pensando a questi animali la prima immagine che a me, e forse a molti di voi, viene in mente è proprio la scena del cartone animato della Walt Disney dove Pinocchio e Geppetto abitano la pancia del grande mammifero. Sarà che il racconto del bimbo di legno è così bello, saranno le dimensioni delle balene ma questi giganti del mare da sempre affascinano bambini ed adulti.

Di rado abbiamo la possibilità di vedere con i nostri occhi questi mastodontici pesci e purtroppo quando sono i media a parlarci di loro, nella maggior parte dei casi apprendiamo drammatiche notizie accompagnate da crude immagini che inevitabilmente spazzano via dal nostro immaginario quella favolosa che tanto ci piaceva.

Carcasse insanguinate issate a bordo delle navi arpionatrici: questa la macabra fine di molte, troppe balene. La caccia a questi grandi mammiferi ha origini antiche e solo nell’ultimo secolo gli esemplari uccisi sono stati due milioni: una cifra talmente alta da condurre molte specie vicinissime all’estinzione. Per porre fine a questa carneficina nel 1986 l’IWC, Commissione Baleniera Internazionale (organo istituito nel 1946), con una moratoria internazionale ha sancito il bando mondiale della caccia alla balena per scopi commerciali. Tuttavia, nonostante il provvedimento, sono ancora molte le navi baleniere che ogni anno tingono il mare di rosso.

Dal 2003, infatti, alcuni paesi, tra cui il Giappone, aggirano il divieto adducendo come giustificazione del massacro una “ricerca scientifica” ben poco credibile. In realtà da anni dietro l’alibi della scienza si cela un’operazione costosissima volta alla produzione di enormi quantità di carne destinate al consumo umano ma che, secondo i sondaggi, nessuno sembra gradire (persino la maggior parte dei giapponesi dichiara di non aver mai mangiato carne di balena).

Qualche mese fa il governo di Tokyo comunicò il programma di cacciare circa 1000 balene, tra cui 50 megattere, specie a rischio di estinzione. Un annuncio che ha scosso notevolmente l’opinione pubblica e, in modo particolare le associazioni da sempre attente alla tutela dell’ambiente e dei suoi abitanti.


Foto tratta da www.seashepherd.org

Come fermare il massacro? Cacciando i cacciatori: è così che i volontari di Greenpeace e quelli di Sea Sheperd hanno impedito l’uccisione di cento balene. L’Esperanza, nave di Greenpeace, e la nave di Sea Sheperd, tra la fine di Dicembre e i primi giorni di Gennaio, hanno salvato infatti moltissimi cetacei ostacolando la Nisshin Maru, nave macelleria della flotta baleniera senza la quale le navi cacciatrici non possono agire. Purtroppo però dopo due settimane di “battaglia navale” gli alleati delle balene sono dovuti rientrare in porto per esaurimento di carburante e i cacciatori giapponesi sono riusciti ad uccidere diversi esemplari nel Santuario dell’Oceano Antartico.

Violentissimo il metodo di uccisione: un arpione, sparato da un cannone, penetra nel corpo della balena ad una profondità di circa 30 centimetri e poi esplode. In media la morte sopraggiunge dopo qualche minuto, ma talvolta l’agonia è più atroce: le povere vittime, ferite dall’arpione ma non catturate, muoiono, dopo terribili pene, per dissanguamento. Inoltre l’inseguimento da parte dei cacciatori provoca nell’animale stress e sofferenza, cause di patologie che, con il tempo, lo uccideranno.

Di pochi giorni fa è la notizia di uno scontro fra gli animalisti e la flotta giapponese: nell’Oceano Pacifico meridionale alcuni membri del gruppo Sea Sheperd hanno lanciato verso i pescatori della Nisshin Maru bottiglie contenenti sostanze chimiche, probabilmente innocue, per ostacolare le operazioni di caccia.

Insomma, l’inseguimento continua: le balene inseguono la tranquillità, le baleniere pedinano le balene, gli animalisti rincorrono le baleniere. Chi avrà la meglio? Di certo non i grandi mammiferi circondati da colossi di ferro che, in un modo o nell’altro, li condurranno alla morte.

3 Marzo 2008 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
Il Mondo Secondo Monsanto - DVD

Un film-indagine che ci porta a riflettere sulle basi etiche della nostra società dei consumi: trasparente,...
Continua...
Guida alla Sopravvivenza

Secondo la prospettiva olistica la terra costituisce un grande organismo di cui fa parte anche l'uomo, il...
Continua...
La Prossima era Glaciale

65 milioni di anni fa, i dinosauri vennero spazzati via dalla faccia della terra da qualcosa di terrificante...
Continua...
Geopolitica dell'Acqua

L'acqua è alla base della vita del pianeta. è, dunque, un bene comune o un bene economico? l'acqua è la...
Continua...
Ecologia Profonda

In questo libro vengono distinti per chiarezza due tipi di ecologia: una "ecologia di superficie" che...
Continua...
Cosa Mangia il Pollo che Mangi

Che cosa ha mangiato il pollo che stiamoper gustare in punta di forchetta?come sono stati coltivati i fagioli...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
LINK ESTERNI
TERRANAUTA TV
Alex Zanotelli e la privatizzazione dell'acqua
Altri video su TERRANAUTA TV...
ARTICOLI CORRELATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità