WWF

WWF: le piccole balene stanno scomparendo, salviamole

In base ai risultati di un nuovo dossier del WWF le piccole balene stanno scomparendo minando fortemente l’ambiente e destabilizzando l’ecosistema in cui vivono. Nonostante ciò molte delle nazioni favorevoli alla caccia alle balene, riuniti questa settimana all’International Whaling Commission (IWC), non accettano di discutere sull’argomento.

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google

orca
Le piccole balene stanno scomparendo dagli oceani e dai corsi d’acqua di tutto il mondo, vittime degli attrezzi da pesca, dell’inquinamento e della perdita degli habitat
Le piccole balene stanno scomparendo dagli oceani e dai corsi d’acqua di tutto il mondo, vittime degli attrezzi da pesca, dell’inquinamento e della perdita degli habitat, e la situazione è aggravata dalla mancanza di puntuali misure per la loro conservazione paragonabili a quelle sviluppate per le grandi balene.

Mentre le grandi balene oggi sono relativamente protette perché interessate dalla moratoria internazionale sulla caccia commerciale alle balene, di fatto dal 1986 la caccia ai piccoli cetacei è continuata in tutto il pianeta, senza essere gestita né controllata a livello globale dalla comunità internazionale.

E’ quanto afferma il nuovo studio WWF “I piccoli cetacei: le balene dimenticate”, presentato oggi a livello internazionale mentre a Madeira, Portogallo, è in corso l’International Whaling Commission (IWC) che si concluderà venerdì 26 giugno.

Lo studio dimostra che le attuali inadeguate misure di conservazione stanno spingendo verso l’estinzione i piccoli cetacei - delfini, focene e piccole balene come il delfino dell’Irrawaddi o il platanista del Gange - perché la loro sopravvivenza è messa in ombra dagli sforzi fatti per salvare i loro “fratelli” maggiori.

“Anche se le specie di grandi cetacei presenti al mondo non sono certo al sicuro e richiedono ancora un serio sforzo di conservazione, la situazione è ancora più critica per molte delle specie più piccole e quasi dimenticate” - ha dichiarato Massimiliano Rocco, responsabile Specie del WWF Italia.

piccole balene
Sebbene le piccole balene stiano scomparendo molte delle nazioni favorevoli alla caccia alle balene, riuniti questa settimana all’International Whaling Commission (IWC), non accettano di discutere sull’argomento
Per esempio, la caccia di almeno 16.000 focene di Dall ogni anno in Giappone è oramai più che insostenibile e rischia di compromettere seriamente la sopravvivenza di questa specie. Ciò nonostante molte delle nazioni favorevoli alla caccia alle balene che questa settimana stanno partecipando all’International Whaling Commission (IWC) non accettano di discutere la conservazione dei piccoli cetacei.

Il WWF ricorda che i piccoli cetacei svolgono un ruolo fondamentale per l’ambiente, stabilizzando l’ecosistema e assicurandone la salute e la produttività. Essi sono anche responsabili del più proficuo settore del “whale and dolphin watching”, ovvero l’avvistamento di balene e delfini, che ogni anno genera un traffico di oltre 1,5 miliardi di dollari.

“E’ ora che l’IWC e i suoi membri si assumano la piena responsabilità per la conservazione futura di tutte le balene, grandi e piccole. L’IWC - e il mondo intero - devono smettere di ignorare i piccoli cetacei esistenti al mondo prima che sia troppo tardi per molti di loro” ha continuato Massimiliano Rocco.

Uno tra i diversi svantaggi significativi che ancora oggi devono affrontare le specie di piccoli cetacei rispetto alle grandi balene è una desolante e preoccupante mancanza di dati puntuali sullo status delle loro popolazioni, sui loro numeri significativi e sulle loro abitudini. Quaranta delle 69 specie di piccoli cetacei, ovvero il 58%, sono classificate dall’IUCN (Unione Internazionale per la Conservazione della Natura) con l’indicazione “dati insufficienti”, e questo significa che non ci sono abbastanza informazioni disponibili nemmeno per determinare se sono minacciate oppure no.

“Non bisogna mai credere che la mancanza di dati significa che la specie non è minacciata. Significa piuttosto che i più importanti scienziati del mondo semplicemente non lo sanno e quindi non si può sapere niente sulla loro reale condizione” sottolinea lo studio.

Solo 4 su 15 specie di grandi balene, ovvero il 27%, sono classificate con “dati insufficienti”, anche se molte delle ragioni per cui è difficile studiare le specie più piccole riguardano anche le grandi balene.

delfini salto
I piccoli cetacei svolgono un ruolo fondamentale per l’ambiente, stabilizzando l’ecosistema e assicurandone la salute e la produttività

Stando alla Lista Rosta delle specie minacciate redatta dall’IUCN, i trend delle popolazioni - ovvero se la specie sta numericamente aumentando o decrescendo - sono sconosciuti per 60 delle 69 specie di piccoli cetacei. Le nove per cui abbiamo questo dato sono in declino.

Le grandi balene ricevono anche maggiore protezione dall’impegno internazionale per la loro conservazione. Quasi tutte le specie di grandi balene, per esempio, hanno il più alto livello di protezione offerto dalla CITES - la convenzione sulla conservazione che regola il commercio internazionale delle specie selvatiche protette - contro appena il 17% dei delfini e delle focene. Inoltre, la Convenzione sulle Specie Migratorie(CMS) protegge l’87% delle specie di grandi balene, ma meno della metà di quelle piccole.

“Se i piccoli cetacei non sono messi al centro delle negoziazioni sull’industria baleniera che ancora oggi miete decine di migliaia di vittime tra queste specie, è possibile che i successi raggiunti nella conservazione delle grandi balene si tradurranno semplicemente in uno spostamento dei problemi dalle grandi balene ai piccoli cetacei” conclude il rapporto.

23 Giugno 2009 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
IN VETRINA
La 62ma edizione della Commissione baleniera internazionale (IWC) si è conclusa, lo scorso 25 giugno, senza un accordo concreto tra i Governi sulla caccia alle balene. Questa tendenza alla mancata tutela del nostro ambiente marino deve essere invertita, o tutti, non solo i paesi che vivono di pesca e caccia alle balene, saranno in difficoltà come gli oceani che si svuotano.
SITO UFFICIALE
PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
Mutamenti Climatici

Quante volte abbiamo ascoltato con una punta di scetticismo chi ci parlava di mutamenti di clima?Eppure negli...
Continua...
Fermiamo Mr. Burns

1987: con un referendum abrogativo gli italiani dicono NO al nucleare.2007: nonostante la decisione del...
Continua...
Risparmiare sui Consumi

Risparmiare energia, ridurre i consumi, riciclare correttamente i rifiuti: ecco una guida agile per...
Continua...
Ecologia Profonda

In questo libro vengono distinti per chiarezza due tipi di ecologia: una “ecologia di...
Continua...
Terra il Pianeta Prezioso

Inquinamento, deforestazione, mutamenti climatici, animali in via di estinzione... Proteggere la Terra non...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
ARTICOLI CORRELATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità