Stefano Montanari: non gettiamo la salute in discarica

Di recente pubblicazione è il libro "Rifiuto: Riduco e Riciclo per Vivere Meglio", curato da Stefano Montanari. Scienziato e divulgatore di fama internazionale, Montanari, che abbiamo intervistato, ci ha parlato dell’importanza di ridurre i rifiuti, delle gravi conseguenze dell’incenerimento e della necessità di un’opera di “evangelizzazione” per far sapere alla gente tutto ciò che politici e media non dicono.

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google

di Daniel Tarozzi

montanari
Scienziato e divulgatore di fama internazione, Stefano Montanari da anni lotta contro gli inceneritori
Stefano Montanari è noto per l’incessante lotta che conduce insieme alla moglie contro gli inceneritori e i danni che questi provocano alla salute e all’ambiente. Nei mesi scorsi lo abbiamo intervistato più volte, in particolare durante il convegno Rifiuto: Riduco, Riciclo che si svolse a fine ottobre 2008 e che era da lui presieduto. Adesso Arianna Editrice ha pubblicato un libro che prende spunto da quel convegno ed è curato proprio da Montanari. Tra i relatori Gianni Tamino, Maurizio Pallante, Paul Connett, Gian Luigi Salvador, Saverio Pipitone, Marco Cedolin, Natale Belosi. Vi proponiamo quindi un’intervista a Montanari per saperne di più.

Stefano Montanari, Rifiuto: riduco e riciclo per Vivere Meglio. Il titolo non è certo casuale. Ce lo puoi spiegare?

Di fatto il titolo è una scelta dell’Editore ed è la riproduzione di quello relativo ad un convegno che ho presieduto alcuni mesi fa a Gambettola, a due passi da Cesena. Credo che i tre verbi si spieghino da soli. Verbi perché anche “rifiuto” lo è : presente indicativo del verbo rifiutare. Io rifiuto di vedere che ciò che ricuso non è immondizia ma qualcosa che è molto spesso recuperabile in qualche forma. Ridurre il rifiuto è un fatto ineludibile dopo decenni durante i quali ci siamo comportati, né più, né meno, come bambini viziati autoconvinti di poter fare ciò che più ci aggradava di questo povero pianeta diventato improvvisamente troppo piccolo per animali ingombranti come siamo noi. E, dunque, riciclare gli oggetti diventa ovvio e indispensabile oggi così come lo è stato da che l’uomo ha cominciato ad essere capace di produrre manufatti che gli costavano fatica e su cui non aveva la minima intenzione di scialare.

rifiuto riduco riciclo
Rifiuto: riduco e riciclo per Vivere Meglio è il titolo del libro curato da Stefano Montanari
Tu hai “curato” il libro. In che modo avete selezionato gli interventi che si susseguono?

Gli autori che abbiamo scelto erano ben noti e sono bastate due parole con loro per mettere in piedi i vari capitoli. A dire la verità, al di là delle parti che ho scritto personalmente, della traduzione della sezione di Connett e di qualche ritocco, non ho dovuto lavorare più di tanto.

Quale tra gli argomenti trattati ti sta più a cuore e quale avresti voluto approfondire ulteriormente?

Mi accorgo che tutte le alternative all’incenerimento, se possono esistere alternative a qualcosa di così palesemente demenziale, restano misteriose ai più. Il libro ne tratta ampiamente, specie nel lungo capitolo di Paul Connett e in quello di Gianluigi Salvador, ma, purtroppo, i politici, con la complicità dei media, fanno sì che nulla trapeli e che l’incenerimento sia recepito come la soluzione definitiva e unica. Del resto, basta accendere la TV e vedere una trasmissione di Piero Angela o qualche servizio del Telegiornale per rendersene conto. A questo punto non so se sia un approfondimento quello che occorre o non sia piuttosto un’opera di “evangelizzazione” intesa nel senso etimologico del termine, cioè della diffusione della buona novella. Insomma, la gente deve sapere che bruciare è una follia perché non solo non si distrugge un bel nulla, ma si rende più tossico ciò che si brucia. E deve sapere che non brucia solo risorse ma anche denaro. E tanto.

il girone delle polveri sottili
Il Girone delle Polveri Sottili, di Stefano Montanari, affronta la questione delle nanopatologie
In precedenza avevi scritto Il Girone delle Polveri Sottili. In che modo questo libro si relaziona a quello?

Il Girone è l’antefatto, è la storia della nostra scoperta sulle nanopatologie, è la spiegazione semplice di fenomeni scientifici di cui non si aveva conoscenza fino a pochi anni fa. Senza la lettura di questo libro credo che Rifiuto: Riduco e Riciclo sia un po’ meno godibile e, forse, anche meno comprensibile in tutte le sue implicazioni ambientali e sanitarie. Naturalmente si tratta di un libro divulgativo. Per chi vuole qualcosa di strettamente scientifico c’è il libro Nanopathology che ho scritto insieme con mia moglie. Introvabile nelle biblioteche universitarie italiane, sta, invece, a Cambridge, ad Harvard, all’Imperial College di Londra…

Tornando a Rifiuto: riduco, riciclo, chi è il lettore ideale di questo libro?

Il politico, senza dubbio. E poi l’elettore. Ma anche le scuole dovrebbero farlo leggere ai loro alunni.

Perché qualcuno dovrebbe comprarlo?

Per avere informazione indipendente, che non provenga da chi ha conflitti d’interesse, su qualcosa che viene nascosto in maniera che vorrei definire grottescamente eroica. Politici, faccendieri e professori universitari disposti a vendersi sono pronti a rimediare figure barbine al cospetto della scienza e della storia del prossimo futuro pur di portarsi a casa quattro soldi e un po’ di potere.

Descrivi in tre righe il protagonista di questo libro

Il protagonista è qualcuno che era stato condannato a morte sul rogo e che era innocente. Parlo, naturalmente, del rifiuto.

maratona
In questi giorni è uscito un altro libro di Stefano Montanari Maratona!
In questi giorni è uscito un altro tuo libro, Maratona!. Apparentemente non ha niente a che vedere con le tue opere precedenti. È così?

È così fino ad un certo punto. Intanto io sono stato un maratoneta per molti anni e mi sono portato a casa anche qualche alloro. Dunque, non potevo dimenticare il mio passato. Ma nel libro non si parla solo di maratona, della sua storia, di come cominciare a mettere (o a rimettere) in moto l’organismo, ma si tratta di come funziona il nostro corpo, di che cosa e come mangiare, di come curarsi, di come l’inquinamento interferisce con l’attività fisica…

Com’è nata l’idea di un libro sulla maratona?

Era un libro che avevo sempre avuto voglia di scrivere. L’editore Società Editrice Andromeda mi ha dato la possibilità di farlo, mio figlio Giorgio (che vive in Australia) ha fatto le illustrazioni, il responsabile della Nazionale Italiana (due ori olimpici) mi ha scritto la prefazione, i proventi (che spero ci siano) andranno come al solito a sostenere la nostra ricerca… Che motivi avevo per non scriverlo?

Vuoi dire qualcosa a chi ti legge?

Soprattutto a chi pensa di non leggermi. Io mi sono divertito a scriverlo e sono convinto che anche chi non ha la minima intenzione di mettersi a correre anche per inseguire l’autobus che sta perdendo avrà la sua fetta di divertimento e, magari, anche qualcosa da imparare e su cui meditare. Poi, chi comprerà il libro avrà contribuito a reggere in piedi una ricerca che serve a tutti, e in particolare alla generazione che verrà. L’unico problema per l’acquisto è che va fatto direttamente all’editore (andromeda@alinet.it) perché è praticamente introvabile in libreria.

PER SAPERNE DI PIU' SULL'ARGOMENTO
Rifiuto Riduco e Riciclo per Vivere Meglio

Dall'emergenza rifiuti in Campania alla verità sugli impianti di incenerimento. Dalla raccolta...
Continua...
Il Girone delle Polveri Sottili

Frammenti di un filtro chirurgico comunemente installato nella vena cava dei malati di tromboembolia...
Continua...
9 Agosto 2009 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
Un lettore ha commentato questo articolo:
5/6/09 06:04, enza raso ha scritto:
il 9 giugno alle 19 a roma presso la libreria Ti con Zero - via Pincherle 66/68 Stefano Montanari incontra i suoi lettori e presenta i suoi libri. A seguire cena-buffet ad offerta libera i cui proventi saranno interamente devoluti alla ricerca sulle nanopatologie. l'evento è organizzato dal gruppo laziale del PBC. per informazioni e prenotazioni:
http://perilbenecomunelazio.blogspot.com
info.pbclazio@gmail.com
laura 333.2365729
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
O la Banca o la Vita

Qual è la vera natura del sistema bancario e finanziario mondiale?Cosa sono e come agiscono su scala globale...
Continua...
Il Girone delle Polveri Sottili

Frammenti di un filtro chirurgico comunemente installato nella vena cava dei malati di tromboembolia...
Continua...
Un Programma Politico per la Decrescita

Il movimento per la decrescita felice si propone di mettere in rete le esperienze di persone e gruppi che...
Continua...
Euflazione

Inflazione e deflazione sono situazioni economiche di cui tutti parlano ? quasi sempre in modo negativo ?...
Continua...
T.A.V. in Val di Susa

Prefazione di Massimo Fini I progetti, i costi e i benefici della costruzione delle linee ferroviarie per...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
TERRANAUTA TV
Alex Zanotelli e la privatizzazione dell'acqua
Altri video su TERRANAUTA TV...
ARTICOLI CORRELATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità