Navi dei veleni, in Calabria rifiuti radioattivi provocano decine di morti

Nella zona costiera di Cosenza, che si affaccia sul Tirreno, numerose morti sarebbero state provocate dalla presenza di rifiuti radioattivi derivanti dall’affondamento di un mercantile nel 1990. La procura della Repubblica di Paola sta svolgendo un’inchiesta sulla vicenda.

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google

di Claudia Pecoraro

jolly rosso
Nella zona costiera di Cosenza, che si affaccia sul Tirreno, numerose morti sarebbero state provocate dalla presenza di rifiuti radioattivi derivanti dall’affondamento della motonave Jolly Rosso nel 1990
La motonave “Jolly Rosso” stava per affondare (o meglio, stava per essere affondata) al largo di Amantea quando, la notte del 14 dicembre del ‘90, il mare mosso la spinse sulla spiaggia di Campora San Giovanni. L’indagine ha oggi portato all’individuazione dell’area in cui sono stati depositati illecitamente i rifiuti dell’incidente: il sito si trova nell’alveo di un torrente nel comune di Serra d’Aiello.

Sarebbero diverse decine le persone decedute in quanto affette da neoplasie provocate dalla radioattività di quei rifiuti. Le perizie affidate ad esperti chimici ed altro personale specializzato sono ora al vaglio dei magistrati. Scopo dell’inchiesta è accertare le responsabilità legate all’occultamento dei rifiuti e di procedere, al contempo, alla bonifica del territorio contaminato dal materiale radioattivo. Le risultanze sono state comunicate alle autorità sanitarie locali e regionali per i provvedimenti di competenza.

In realtà, basta fare un salto indietro nel tempo per capire che la vicenda non è isolata. Il traffico di rifiuti tossici legati ai mari italiani è ben conosciuto e, nel caso delle coste calabre, sarebbe connesso con la ‘ndrangheta. Le cosiddette “navi dei veleni” erano infatti una ventina di motonavi battenti bandiera italiana, greca, maltese, di Antigua e di Saint Vincent fatte colare a picco tra il 1981 e il 1993, la maggior parte delle quali proprio a largo delle rive calabresi.

Alla fine dell’anno scorso il fenomeno era balzato nuovamente alla cronaca grazie alle confessioni del pentito Francesco Fonti, ex trafficante di stupefacenti della Locride, che aveva parlato di una motonave affondata a largo di Cetraro, a pochi chilometri da Amantea. Si sarebbe trattato di una barca colma di rifiuti tossici affondata per smaltire in maniera illegale e senza eccessivi costi il carico di veleni.

Per quel che riguardava la Jolly Rosso, sin da subito si era ipotizzato che trasportasse rifiuti tossici e che i fusti contenuti nella stiva fossero stati sepolti in parte sotto i fondali e in parte nell’area costiera di Amantea. Le ricerche compiute tuttavia non avevano portato a nessun risultato e il caso era stato provvisoriamente archiviato. Fino alla recente scoperta.

Il caso calabrese è peraltro ben descritto da Carlo Lucarelli nel suo libro Navi a perdere, che racconta la vicenda di Natale De Grazia unico testimone al processo della Jolly Rosso, scomparso in circostanze poco chiare.

Anche se la Calabria risulta al centro di questi traffici, vicende giudiziarie complesse interessano in realtà numerose procure in tutta Italia. Da un’iniziativa di Legambiente è nato quindi il “Comitato per la verità” che intende rompere la congiura del silenzio che si è creata intorno ai traffici nazionali e internazionali di rifiuti e materiali radioattivi, e per interrogare la politica sui misteri che intanto continuano ad avvelenare l’ambiente. Ad esso hanno aderito magistrati, giornalisti, esponenti politici, familiari di vittime, ambientalisti, impegnati nel combattere vicende legate al traffico illeciti di rifiuti, che hanno deciso di sostenere le attività di indagine giudiziaria e giornalistica di contrasto alle ecomafie.

PER SAPERNE DI PIU' SULL'ARGOMENTO
Navi a Perdere

Ci sono navi che affondano, purtroppo capita. E spesso non si riesce più a trovarle, colpa degli abissi...
Continua...
 
10 Maggio 2009 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
Un lettore ha commentato questo articolo:
19/10/09 09:43, Anonimo ha scritto:
Io sono una ragazza calabrese,e si sta molto parlando di questo problema,nei telegioirnali e soprattuto sui giornali, avvenutosi nel mio paese e vorrei fare un appello a tutte quelle persone che sono coinvolte, che ora è troppo tardi,dire la verità, perchè tutto il mediterraneo è radioattvo.Infatti anche nella mia classe noi ragazzi facciamo diversi commenti ma nn sappiamo come risolvere questo guaio provocato da altre persone incoscenti... x esempio nel mio paese c'è una scuola che è stata costruita sotto dei rifiuti radioattivi e questa è proprio l'ignoranza degli adulti....
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
Rifiuto Riduco e Riciclo per Vivere Meglio

Dall'emergenza rifiuti in Campania alla verità sugli impianti di incenerimento. Dalla raccolta...
Continua...
Il Girone delle Polveri Sottili

Frammenti di un filtro chirurgico comunemente installato nella vena cava dei malati di tromboembolia...
Continua...
Smaltire e Riciclare i Rifiuti

Ti sei mai chiesto che cosa succede a quello che buttiamo nella spazzatura e nei cassonetti della raccolta...
Continua...
Ecoballe

Napoli, quattordici anni di emergenza. Rifiuti a ogni angolo di strada. Politici nel mirino. Costi alle...
Continua...
Dove lo Butto?

Un libro divertente e ricco di illustrazioni che spiega ai più piccoli come contribuire al benessere...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
TERRANAUTA TV
Rifiuti: adesso sono risorse
Altri video su TERRANAUTA TV...
ARTICOLI CORRELATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità